mercoledì 15 marzo 2017

La merenda perfetta? eccola con l'ABC della merenda Parmareggio

Buzzoole

 Ormai sapete che non ho più bambini piccoli, i ragazzi sono grandi ormai e si gestiscono da soli spuntini e colazioni, so però che è compito mio di mamma  fargli trovare le giuste cose nella dispensa o nel frigorifero e io  ormai da anni cerco di controllare quello che acquisto con molta cura, evito di riempire di cioccolato e schifezze la dispensa perché so bene che la tentazione sarebbe forte per tutti e che cadremmo nel tranello scegliendo merende e spuntini poco sani  e ancor meno sazianti!

La merenda o lo spuntino ideali sono quelli che saziano senza appesantire e ci lasciano  pieni di energia (si parlo al plurale perché anche noi mamme dobbiamo fare gli spuntini, che ci aiutano ad arrivare a pranzo o a cena senza quella fame atavica che ci attanaglia se saltiamo i pasti!)  

Lo spuntino ideale è quello che ci fornisce:
-proteine, essenziali per la formazione dei tessuti dell'organismo e per lo sviluppo osseo
-grassi (di quelli buoni ) oltre a dare energia, funzionano da trasportatori di vitamine
-carboidrati che garantiscono la giusta dose di energia per affrontare con la giusta carica lo studio o le attività sportive ma anche  a  qualsiasi incombenza spetti a noi mamme che si sa, al pomeriggio siamo sempre di corsa tra un impegno e l’altro dei nostri figli!





Ho scoperto che Parmareggio ha studiato con il nutrizionista Dott. Donegani la merenda perfetta:
#perfetta perché bilanciata nei nutrimenti
#perfetta perché può stare fuori dal frigo per ben quattro ore, perciò la si può tenere in borsetta e consumare al bisogno
#perfetta perché non sporca e non si rovescia negli zaini ed è facile da aprire, così i bambini si sentono anche più autonomi
E per voi che avete ancora bambini piccoli il sito di Parmareggio è pieno di attività divertenti (giochi, fumetti, suonerie, paper toys e tanto altro) ed educative per i vostri bambini, nipotini, vicini di casa eccc... 


E poi che vi devo dire? A me il topino Parmareggio fa morire dal ridere, mi è troppo simpatico!
L’ABC della merenda vi conquisterà perché è tutto pronto, non dovete aggiungere altro,  racchiude in un pratico kit le tre componenti essenziali per un fuoripasto completo e nutriente:
·         Un prodotto a base di Parmigiano Reggiano. Si può scegliere tra il Parmareggio Snack, i Formaggini Parmareggio o il Parmareggio Snack Bio.
·         Grissini oppure frutta secca.
·         Un frullato 100% frutta.

il mio preferito?? quello con la frutta secca, mi piace troppo! 
#parmareggio #ABCdellamerenda #merenda



mercoledì 1 marzo 2017

Overnight oatmeal alla melagrana


 E dopo tanto tempo forse vi state chiedendo dove sono sparita... Nei prossimi post vi racconterò un po' dei progetti su cui sto lavorando e che mi hanno tenuta impegnata! 
Intanto vi posto questa ricettina facile facile ma prima vi devo raccontare che La scorsa estate mi sono vista recapitare  una grande scatola piena di frutta e verdura con cui mi è stato chiesto di ideare qualche ricetta, fantastico non vi pare? 
Sono stata subito molto entusiasta di dare  il mio contributo ad una iniziativa davvero “giusta”, il progetto Fruit 24, promosso da Apo-Conerpo  e co-finanziato dall’Unione Europea e dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, idoneo per trasmettere e consolidare uno stile di consumo improntato al benessere, in particolar modo presso i nuclei familiari più giovani, ovvero quelli che possono educare i figli all'importanza e al piacere di una alimentazione ricca di frutta e verdura.

Fruit 24 vuole trasmettere la buona abitudine di consumare frutta e verdura a qualsiasi ora del giorno e della sera con piatti semplici, dolci o salati, o anche snack a base di frutta e verdura con il motto "E' sempre l'ora di frutta e verdura".

overnightoatmeal

Per cui, appena l’ho aperta ho visto una bella melagrana e ho deciso che sarebbe stata la protagonista di una delle mie colazioni per cui per le  ORE 7:00 #buongiornofreschezza

Una ricetta così semplice che non potete trovare scuse per non farla, per dovere di cronaca devo anche dirvi che tutte le ricette di oatmeal overnight che ho provato finora arrivano dal blog di Chiara, applico delle varianti ora che ho imparato come si fa, ma le basi le ho assimilate leggendo un suo post completissimo che vi consiglio di andare a leggere se vi interessa l’argomento.
eccovi la ricetta!

Overnight oatmeal con melograno
Ricetta per le 7.00 colazione

Ingredienti
125 g di yogurt bianco intero senza zuccheri
un cucchiaino g di semi di chia 
30 g di fiocchi di riso integrale
80/100 g di chicchi di melagrana un dattero medjoul qualche fetta di mela bio con la sua buccia

Preparazione
La sera prima mettere lo yogurt, il dattero ridotto in pezzetti piccoli, i fiocchi e i semi di chia in una piccola ciotola e mescolare fino a che non sia tutto ben amalgamato, travasare il composto in un barattolo di vetro e decorare con i chicchi di melagrana, chiudere con il tappo e conservare in frigo fino al giorno dopo.
Durante il riposo in frigorifero i fiocchi assorbiranno il siero rilasciato dallo yogurt divenendo morbidi, i semi di chia renderanno il tutto ancora più morbido e il dattero addolcirà il tutto nascondendo l’acidità dello yogurt.
Qui trovate la mia ricetta, insieme a tantissime altre da cui prendere spunto per consumare più frutta e vedura ogni giorno!







mercoledì 7 dicembre 2016

Torta nutellotta gluten free

Anche voi forse vi trovate ogni tanto, soprattutto in questo periodo di feste, a dover preparare una torta al volo perché serve d’urgenza, per una festa, un ospite improvviso o anche solo perchè avete voglia di coccolarvi un po’, ecco questa è la ricetta giusta!
Servono solo 3 ingredienti di quelli che avete quasi sempre in casa e il gioco è fatto, io questa volta l’ho preparata gluten free perchè l’urgenza questo richiedeva ma se non avete problemi di celiachia potete usare la farina 00 e il procedimento non cambia!


torta nutellotta

Torta Nutellotta Gluten free

Ingredienti per una tortiera con fondo tipo questa
360g di nutella o altra crema spalmabile
2 uova intere
300 g di farina mix it gluten free Schar
per la guarnizione 250g di nutella

Preparazione
In una ciotola mettere la nutella  e aggiungere le uova, sbattere  bene con l’aiuto di una forchetta  e aggiungere la farina mescolando fino a che non ottenete un impasto simile a quello di una frolla morbida, noterete che l’impasto si stacca benissimo dalle mani ma se così non fosse ungetevi le mani con poco olio e distribuite l’impasto nella teglia, cuocete in forno ben caldo a 180° per 15 minuti, la teglia che vi ho linkato sopra fa si che si crei già l’incavo in cui inserire il “ripieno”, l’avevo già usata per la mia “torta più buona del mondo” forse la ricorderete!

Trascorso questo tempo togliete la torta dal forno , attendete che si freddi tanto da poterla sformare dalla teglia e mettetela sul vassoio, quando è ancora calda versate la Nutella in modo uniforme così farete meno fatica a stenderla.
Aspettate che si raffreddi prima di servirla!

lunedì 5 dicembre 2016

Cheesecake del buon auspicio e un contest per tutti da non perdere!


cheesecake del buon auspicio
cheesecake e soluzioni di #gardenDesignByiDsegni

Chi mi segue su facebook lo saprà già, la settimana scorsa ho avuto il piacere di partecipare come coprotagonista insieme a Giulia, ad uno dei fantastici eventi realizzati da Rizzi Design Studio il cui tema er proprio la cucina, e quale sarebbe stato altrimenti?

Durante la serata gli ospiti hanno avuto modo di partecipare ad un laboratorio in cui abbiamo realizzato dei bellissimi alberelli di pasta sfoglia, semplici, veloci e incredibilmente scenografici, presto la ricetta qui sul blog!

alberelli

Ma non solo, tra un bicchiere di ottimo vino (Fratelli piacentini) e una fetta di ottimo salume  di Dal pane al vino tagliata con  la mitica Berkel di Padana impianti ci sono stati show cooking davvero partecipati da tutti gli ospiti e anche dirette facebook in cui anche chi non è potuto venire poteva seguire l’evento in diretta, proprio durante una di queste dirette abbiamo lanciato il contest (da non perdere a parer mio!) di cui voglio parlarvi ora, QUI TROVATE IL VIDEO IN DIRETTA ma intanto ve lo racconto in  3 semplici punti
  1. PRENDETE GLI INGREDIENTI DELLA RICETTA DELLA CHEESECAKE CHE ABBIAMO REALIZZATO IN DIRETTA li trovate in fondo al post
  2. REALIZZATE UNA VOSTRA PERSONALE VERSIONE RIVISITATA (date sfogo alla fantasia, potete cambiare il gusto della marmellata, fare una crema, aggiungere furtta o verdura caramellata....ma ricordate: limportante è che non manchi il vostro personale  #toccodirosso
  3. MANDATE FOTO E RICETTA VIA MAIL a info@rizzidesignstudio.it o in alternativa sulla pagina facebook di Rizzi Design Studio ENTRO IL 10 DICEMBRE

Facile no!? Dall’11 al 19 dicembre le ricette pervenute verranno pubblicate sulla pagina facebook di Rizzi Design Studio e sarà possibile votarle con un “mi piace”, la ricetta più votata vincerà un CORSO DI CUCINA OFFERTO DA MIELE, si si aveta capito bene, proprio la casa produttrice dei migliori elettrodomestici!! Io e Giulia ci offriamo per accompagnarvi, non dimenticate!!



Ingredienti cheesecake per la crema :

  • 250 g Ricotta mascarponata
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 170g cioccolato bianco
  • 250 g panna montata
  • 50 g zucchero a velo
  • marmellata di lamponi e melograno per dare #untoccodirosso nonché una nota acidula
per il guscio: 
  • 100 g Digestive
  • 60 g burro
PREPARAZIONE
  • fate fondere il burro ed aggiungetelo ai biscotti sbriciolati, mescolate la ricotta con lo zucchero, aggiungete il cioccolato fuso e le vaniglia e mescolate.Aggiungete delicatamente la panna montata.
  • ora siete pronti per montare il dolce: mettete in un bicchierino uno strato di composto di biscotti, aggiungete una cucchiaiata di crema al formaggio, uno strato sottile di marmellata e un altra cucchiaiata di crema, Io poi ho aggiunto #UnToccoDiRosso che sono i chicchi di melagrana, ora tocca a voi!



ed ora qualche foto dell’evento in attesa delle ricette

ricette lavagna
la meravigliosa parete lavagna con tutte le nostre ricette
 




hummus barbabietole
hummus ceci e barbabietola con cruditèes


tutto pronto
la ultra funzionale isola con elettrodomestici MIELE

making alberelli
un momento del bakery lab in cui abbiamo preparato alberelli di sfoglia e salame
vellutata di ceci
vellutata di ceci e crumble di salsiccia

mercoledì 5 ottobre 2016

Hummus carote, timo e limone

buzzoole code

Ci sono quei giorni in cui avete voglia di qualcosa di buono e salutare e non sapete cosa fare?
Questo Hummus preso dal libro di Arianna di Alimentazione in Equilibrio è buenerrimo e salutare allo stesso tempo! Provatelo con verdure fresche di stagione crude o anche su cracker di semi o pane di segale tostato e poi mi fate sapere!





Hummus carote, timo e limone

Ingredienti
300g di carote
220 g di ceci lessati
1 cucchiaio di tahin
1 limone 
1spicchio di aglio
olioevo
sale

Preparazione
Lavare, pelare le carote e tagliarle a bastoncini, disporle su di una teglia con lo spicchio di aglio sbucciato, il timo e un filo di olio evo, infornare a 200° per 30 minuti.


Una volta intiepidite le carote metterle in un robot con gli altri ingredienti: ceci, tahin, il succo di mezzo limone, lo spicchio di aglio (se ne può mettere anche meno se non piace eccessivamente), le foglioline di timo (io ho usato del timo essiccato bio) e una grattata di buccia di limone (ovviamente non trattato altrimenti diventa una grattata di pesticidi), sale e olio evo.
Frullare il tutto fino ad ottenere una crema (io preferisco una crema non liscissima, ma va a gusti, potete scegliere come preferite) aggiustare di sale e aggiungere un filo di olio evo e qualche fogliolina di timo prima di servire in tavola. 


note
Questa crema si conserva benissimo per diversi giorni se tenuta in frigorifero ben coperta con carta pellicola. 

E' perfetta su crostini di pane di segale bruschettati o anche come accompagnamento a bastoncini di verdure crude come per esempio carote, finocchi, peperoni, zucchine....




lunedì 3 ottobre 2016

Bicchierini di cheese-cake alla Malvasia


Ieri ho avuto il piacere di partecipare ad un interessante evento che si è tenuto alla corte Faggiola per rendere onore a uno dei miei vini preferiti, La Malvasia
Io e altre 3 foodblogger piacentine siamo state chiamate a raccolta e subito abbiamo risposto con ricette spettacolarmente profumate di malvasia (vi rimando ai loro blog per scoprirle, qui a lato nella barra trovate i loro link)

Questa cheese cake ha un sapore davvero speciale, la quantità di Malvasia contenuta non è poca volutamente perché ci tenevo in modo particolare che si sentisse bene il sapore di questo vino profumato e ricco di sentori fruttati.

Se siete curiosi di vedere il procedimento in diretta
QUI lo trovate per intero e trovate anche la ricetta di Elena, la mia compagna in questo show cooking che ha preparato delle tartellette salate davvero gustose!


INGREDIENTI

340 g di cioccolato bianco
125 g di panna fresca
175 g di vino bianco frizzante Malvasia dolce
225 g ricotta io ho usato la
Cuor di latte dell'azienda Graffignana di Roncarolo
Due pacchi di biscotti tipo di digestive
Per decorare uvetta passita ammollata nella Malvasia

PREPARAZIONE

In un pentolino a fuoco basso, a bagno maria, mettere in una ciotola le gocce di cioccolato bianco o il cioccolato in pezzi e la panna. Mescolare di tanto in tanto, fino a quando il cioccolato non è  fuso e liscio. Io
ho questo pentolino che mi aiuta moltissimo nelle cotture a bagnomaria
Una volta sciolto, togliere il tegame dal fuoco e aggiungere la Malvasia e mescolare bene. Lasciarla raffreddare per 15 minuti.
Quando il cioccolato si sarà un po' raffreddato, unire  la ricotta ammorbidita in una terrina. Sbattere con una frusta  fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi. Trasferire il composto in una sac a poche e mettere in frigorifero per almeno 12 ore
Ridurre in briciole i biscotti. (Io li  metto all'interno di 2 sacchi ziploc (per far si che le briciole non escano) e uso  il mio mattarello per schiacciarli.), aggiungere 2 cucchiaini di briciole di biscotti  per ogni bicchierino.
Prendere la sac a poche, il cui contenuto dovrebbe aver assunto una consistenza spumosa, e metterne un po’ in ogni bicchiere.
Se si prevede di servire in un secondo momento, conservare in frigorifero e coprire i bicchierini con pellicola per alimenti
Guarnire ogni bicchierino un chicco di uvetta passa precedentemente ammollata nella malvasia

mercoledì 28 settembre 2016

la Crock-Pot e il ragù come una volta ma per donne moderne


hello fall
Quando è arrivata la mia nuova Crock pot ho subito avuto l’impressione che io e lei saremmo diventate amiche, di quelle vere, che non si lasciano più qualsiasi cosa accada, diciamo che l’ho osservata per un po’ e poi mi sono decisa ad affidarle sfide non indifferenti! Ho iniziato con una torta, vi starete chiedendo quale mente malsana pensa a fare una torta in una pentola, beh io ormai credo di aver fatto torte dovunque e questa mi mancava! La torta è venuta bene ma devo ancora perfezionare la tecnica, cosa invece che non mi tocca fare con il ragù, uscito perfetto al primo colpo!
Perchè vi ho detto che è la pentola per donne moderne? Semplicemente perchè è perfetta per chi come me lavora a tempo più che pieno, con lei si ottengono grandi risultati anche senza stare ore ai fornelli, per questo ragù l’ho accesa in pausa pranzo e la sera dopo cena ero pronta per preparare le lasagne per il freezer per i pranzi di corsa dei prossimi giorni! Non è ovviamente perfetta solo per chi lavora, un po’ di tempo libero per fare altre cose serve a tutti no!? Mentre lei cuoce si possono fare infinite cose e non rischiamo che i cibi si attacchino o che brucino, non serve nemmeno mescolare!
Adesso vi elencherò alcuni dei vantaggi di questo meraviglioso elettrodomestico:
-  La cottura a bassa temperatura in un contenitore chiuso aiuta a preservare i succhi di carne e ortaggi, che hanno un elevato valore nutrizionale e avvolgono il cibo senza perdersi o evaporare e i sapori si mantengono intatti, non otterrete risultati simili alla cottura a vapore, la maggior parte delle volte insipidina
- E’ Semplice. Bastano 10 minuti per fare tutto. La pentola Crock-Pot è perfetta per tutti i cuochi, principianti ed esperti!
- E’ Economica. Utilizzare una pentola Crock-Pot fino a quattro volte più economico delle normali cotture in forno, induzione o gas, il consumo energetico è molto più basso.
- Sicura. Grazie al basso consumo energetico, equivalente ad una lampadina di circa 80/100W, è assolutamente sicuro lasciare accesa Crock-Pot mentre ci si occupa di altro, senza bisogno di assistenza o controllo. Si può lasciare la pentola accesa anche di notte, mentre si riposa e al risveglio trovare la ricetta pronta.
- Si pulisce velocemente. La Crock-Pot è molto facile da pulire! Può essere lavata a mano, grazie al rivestimento antiaderente la pulizia sarà molto veloce e pratica. Oppure si può mettere la parte in ceramica direttamente in lavastoviglie.

Ovviamente ho trovato anche un difettuccio, manca il timer, che per la torta che richiede un tempo più breve, per esempio, mi sarebbe stato utile,  però penso di ovviare presto a questo problema con una presa intelligente comandabile da app di quelle che si trovano facilmente in commercio, ancora più comoda di un timer!
crockpot lasagne
RAGU’
1 kg di carne di manzo macinata grossa
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
250 gr di salsa di pomodoro
2 cucchiai abbondanti di sale e verdure pronto
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
PREPARAZIONE
Mettere nella Crock-pot l’olio,  la carne, la salsa, il concentrato e le verdure con il sale (io ne ho un vasetto che mi ha regalato una mia cliente ma se non lo avete potete mettere un trito di carote, sedano e cipolla circa 6 cucchiai in tutto e un cucchiaio di sale grosso) date una mescolata con un cucchiaio di legno e mettete il coperchio, accendete su low  e dimenticatevi del ragù per 8/10 ore, vi ricorderete di averlo preparato quando sentirete un meraviglioso profumo che invade la casa.
Vi avevo detto che era veloce vero??
Dimenticavo di dirvi che la Crock-pot è anche molto capiente, ci sta tranquillamente anche 1.5/1.8 kg di carne senza problemi! A presto con i prossimi esperimenti!












lunedì 26 settembre 2016

Involtini di melanzane (glutenfree)

INVOLTINI DI MELANZANE

L’estate è ormai agli sgoccioli, le scuole sono iniziate, le routine che ci eravamo dimenticati stanno tornando lentamente a fare parte della nostra vita e come possiamo fare per rendere meno pesante l’utunno e l’inverno che ci aspettano!?

Possiamo cucinare le ultime verdure estive che, diciamocelo, se le cuciniamo in inverno mica hanno lo stesso sapore, quello del sole che le ha fatte maturare! Quindi  procuratevi delle melanzane e cucinate questi involtini! Io mi sono ispirata ad una ricetta trovata per caso tra tante, quella degli involtini di melanzane Galbani, come al solito ho stravolto un pochino la ricetta giusto perché non avevo in casa tutti gli ingredienti necessari, e si sa, a volte si cucina con quel che c’è nel frigo!
Quindi  procuratevi delle melanzane e cucinate questi involtini!

Io mi sono ispirata ad una ricetta trovata per caso tra tante sul sitocome al solito ho stravolto un pochino la ricetta giusto perché non avevo in casa tutti gli ingredienti necessari, e si sa, a volte si cucina con quel che c’è nel frigo!

INVOLTINI DI MELANZANE gluten free

INGREDIENTI per circa 25 involtini
2 Melanzane grandi tagliate a fette di circa 1cm
farina di riso qb per infarinare
olio di semi di arachide circa 500ml
2 mozzarelle fiordilatte da 125g
13 fette di prosciutto crudo
25 foglie di basilico

PREPARAZIONE
Per preparare gli involtini di melanzane iniziate lavando le melanzane e privandole del picciolo verde.
Tagliatele a fettine sottili nel senso della lunghezza, quindi infarinate (io ho usato farina di riso così erano anche gluten free ma potete usare anche la 00) e friggete le fette in abbondante olio  (io ho usato quello di semi di arachidi) a fiamma medio/alta.
Scolatele, tamponatele dall'olio in eccesso con carta assorbente e tenetele da parte.
Farcite le melanzane fritte con un cilindro ricavato da una mozzarella fiordilatte, una mezza fetta di prosciutto crudo e una foglia di basilico
Avvolgete su se stessa la fetta di melanzana creando l’involtino, posizionatele  in una pirofila, per essere più tranquilli che non si srotolino potete mettere uno stecchino per fissarli

I vostri involtini di melanzane sono pronti da gustare! Caldi sono buonissimi, io li ho serviti in una cena quasi in piedi a temperatura ambiente e vi dirò che erano ottimi!
Perfetti per un antipasto ma anche come secondo sono da provare! Io ne ho preparati in abbondanza, così un po’ li ho congelati!

lunedì 19 settembre 2016

Come scegliere la torta giusta per ogni occasione

 

food-bakery-chocolate-sweet-large   Voi Come fate a scegliere che torta fare per un occasione speciale!?  Io personalmente inizio pensando a quali sono i gusti del festeggiato di solito partendo da una ricetta base che poi arricchisco con gli ingredienti a lui preferiti! Questa tecnica mi aiuta moltissimo perché è difficile sbagliare, basta sapere le preferenze del festeggiato ed il gioco è fatto, io non perdo tempo e il risultato di solito soddisfa tutti! Ovviamente cerco poi di sbizzarrirmi nella decorazione per renderla speciale oltre che buona!

l’altro giorno ho visto come Cameo ci viene in aiuto un test dedicato ai dolci per occasioni speciali dal titolo: “Torta o crostata, dolce al cucchiaio o cupcake. E tu che dolce sei? 5 domande per dire, Se fossi un dolce sarei...”, io mi sono divertita a farlo e sono risultata… anzi, no,  non ve lo dico! vediamo chi indovina il risultato!      (la soluzione alla fine del post come nelle migliori riviste di enigmistica)

Comunque ci tengo a dirvi che il test ci ha azzeccato in pieno, sono proprio così! ahahhahah

Tornando a noi, io ho un paio di torte speciali da preparare nella prossima settimana (mio marito e mia madre compiono gli anni ad un paio di giorni di distanza e, ovviamente, non hanno minimamente gli stessi gusti)  e credo che, visto che il tempo è sempre poco, ricorrerò ad un piccolo aiutino.. Le basi Cameo sono velocissime da fare, escono sempre perfette e con la farcitura giusta il risultato è garantito, sia che tu sia una pasticcera esperta (puoi utilizzarli come ottime basi per dare spazio alla tua creatività); sia che tu sia alle prime armi, ti aiuteranno a rendere ogni occasione un successo. E in più, vuoi mettere la soddisfazione di dirlo “l’ho fatto con le mie mani”? Tanto nessuno si accorgerà di niente ve lo assicuro!

E voi che ne dite di correre a fare questo divertentissimo test?? Poi mi venite a raccontare che dolce siete??

Intanto io inizio a pensare a come farcire le mie torte che vi racconterò ovviamente nei prossimi post, state sintonizzate che ormai il fresco sta per arrivare e torna la voglia di accendere i forni per sfornare delizie!!

buon divertimento con il test!

[ǝʞɐɔdnɔ 3 olıɟoɹd]

domenica 18 settembre 2016

Fuorivisioni festival .. le ricette

Vi avevo promesso le ricette del secondo evento a cui ho partecipato e poi il lavoro mi ha travolta!

Due parole velocissime sul Fuorivisioni Festival direttamente dalla voce degli organizzatori:

Fuori dal sistema dell'arte al giorno d’ oggi c'è tutto un non detto, un non visto e un non raccontato che continua ad essere messo da parte.
Da questo nasce la nostra idea, accompagnare lo sguardo ad altro, toccando orizzonti diversi e tematiche lasciate ai margini dell’ informazione.
I partecipanti saranno invitati ad intraprendere un personale viaggio attraverso luoghi, suggestioni ed opere scelte ad hoc, con lo scopo di dar voce a giovani artisti e far rivivere la città.
Una dinamica relazionale che unisce arte, design, architettura e spettatori per dar vita ad un distretto artistico in continua e reciproca metamorfosi.

Queste due ricette veloci, estive e gustose dovete assolutamente provarle, sono davvero scenografiche e di grandissimo effetto (in effetti ad un festival così non potevo sfigurare dal punto di vista della presentazione!)

mosaico frutta e feta alto

MOSAICO DI FRUTTA E FETA

INGREDIENTI

anguria

feta

kiwi

olio, sale e pepe q.b.

Tagliare il più possibile in cubi della stessa misura gli ingredienti, io per aiutarmi, visto che non sono un grande chef, ho disegnato su di un foglio protocollo a quadretti da 5mm dei reticoli composti da quadrati di varie dimensioni, l’ho inserito in una busta di plastica trasparente e l’ho appoggiato sul taliere. Ovviamente la dimensione dei cubi varierà dal tipo di servizio che deciderete di fare, io ho scelto di preparare una porzione per la presentazione e  altre piccole come finger food per cui ho fatto due tagli di dimesioni diverse.

La realizzazione nel piatto è molto semplice, è sufficiente posizionare frutta e feta in modo che si alternino i colori e poi fare un giro d’olio e aggiungere sale e pepe a piacere.

 

INVOLTINI PSICHEDELICI DI FRUTTA con Dip di miele e lime

Per questa ricetta dovrete fidarvi dell’opinione dei partecipanti perchè io non sono riuscita ad assaggiarne nemmeno un pezzettino, loro hanno particolarmente apprezzato il tutto

Questi sono degli involtini visti su Pinterest alla ricerca dell’ispirazione per questo evento, sono un dolce alternativo e ovviamente scenografico, purtroppo non ho fatto in tempo a fare una foto decente per cui vi metterò quella della ricetta da cui ho tratto l’idea.

Fruit-Spring-Rolls_003

INGREDIENTI

10 cialde di riso
1 mela media
1 pesca
1 kiwi                                                                                                                                                                        7/8 acini  di uva bianca

4/5 fragole
1 kiwi gold
5 foglie di menta e di stevia
2 cucchiai – miele + il succo di mezzo lime

PREPARAZIONE
Iniziate tagliando tutta la frutta. Decidete voi come tagliarla, io ho deciso di tagliare mela e pesca in cubettini. Ho poi tagliato le fragole, l’uva e kiwi a rondelle, se usate dei lamponi o piccoli frutti è  possibile lasciarli interi. Mettete tutti i frutti su un piatto pronto per fare gli involtini
Successivamente sarà necessario preparare le cialde di carta di riso immergendole  una alla volta in acqua ben calda per 2-3 minuti fino a quando non sono morbide e malleabili. Trasferire immediatamente le cialde di  carta di riso morbide su di un tagliere abbastanza grande e iniziare a riempire i vostri involtini.

Scegliete quale frutto volete che si veda in superficie e poi mettete gli altri direttamente sopra il  frutto scelto, non esagerate con le quantità altrimenti non riuscirete a chiuderli, ricordate di aggiungere prima di chiuderli qualche pezzetto di menta e di stevia. Ripetete così per ogni rotolo, facendo uno alla volta.
Ho realizzato gli involtini abbastanza piccolo in modo che sarebbe stato più facile per i presenti  mangiare, ma si possono comodamente fare anche più grandi.

Il Dip, cioè il condimento in cui intingere gli involtini una volta fatti, si prepara rapidamente mescolando il di miele e il succo di lime  in una ciotola con l’aiuto di una piccola frusta o di una forchetta (facendo lo stesso movimento di quando si sbattono le uova nel piatto) 

Servire con gli involtini di frutta.

N.B. Ora vi starete chiedendo  dove si trovano le cialde di riso e come si chiude un involtino una volta riempito, vi metto sotto un’immagine, la cialda di riso è rotonda ma il procedimento per chiuderla è lo stesso; le cialde invece le potete trovare nei negozi che vendono cibo orientale, a Piacenza li ho presi in via Conciliazione, vi consiglio di andare con una foto perchè io ho fatto 3 giri per riuscire a farmi capire. Se invece volete comperarle direttamente da casa, ci viene in aiuto sempre lui Amazon e le trovate qui a questo link

come chiudere un involtino