venerdì 19 febbraio 2010

Una tortina speciale, speciale da.... lEccarsi le dita!


Avevo proprio ragione, meno male che il mio blog non è un cagnolino... altrimenti povero lui!! Tutti i giorni mi riprometto: "Oggi posto la ricetta..." e poi... i bambini da portare a scuola, i compiti, la palestra (dei bambini ovviamente !!) la piscina, l'allenamento e  le mie mille attività di cui un giorno vi parlerò e i giorni passano velocissimi senza avere il tempo nemmeno per postare ricette che ho preparato e fotografato ormai da giorni!
Beh, arriviamo alla ricetta di oggi una tortina speciale speciale con cui partecipo al mio primo contest (questo qui(che emozione!!) dicevo una tortina speciale speciale, "da lEccarsi le dita" insomma. E' un dolce che mi ricorda tanto il mio papà che purtroppo ora non c'è più, era la sua torta preferita, mi diceva ad ogni festa di preparargliela fin da quando ero una ragazzina.
Ho pensato di rifarla, ma non come torta (come facevo di solito) ma come monoporzione (e che monoporzione basta per una settimana, tante sono le calorie che conterrà!) e di non usare i soliti pirottini per i muffin ma di accartocciare la carta forno per renderla un pò più "speciale", diversa.

Bando alle ciance ecco la ricetta per circa 12 tortine:

Ingredienti per l'impasto:
300 g di farina 00 
150 g di burro 
200 g di zucchero
200 g di nocciole tostate
200 g di gocce di cioccolato
3 uova 
1/2 bicchiere di latte
1 bustina di lievito per dolci 
1/2 stecca di vaniglia (la raschiatura ovviamente) o un cucchiaio di estratto di vaniglia home-made come questo qui

Per la crema:
100 g di burro 
100 g di zucchero a velo vanigliato
3 cucchiai di cacao amaro
poca acqua per sciogliere il cacao (tipo 2 o tre cucchiai)

Procedimento (anche se è talmente elementare che potrei risparmiarvelo!) 

Come al solito io ho usato il Bimby per cui: 
Dividere gli albumi dai tuorli e montarli a neve ben ferma nel boccale con la farfalla a vel 3 (il tempo dipende anche dalla temperatura che avevano le uova, regolatevi a occhio).
Togliere gli albumi montati dal boccale e tenere da parte.
Mettere nel boccale il burro con lo zucchero e lavorare a crema per 1 min vel 3/4; aggiungere uno alla volta i tuorli e quando saranno incorporati aggiungere il latte, la vaniglia le nocciole tritate e la farina setacciata con il lievito, il tutto con le lame in movimento per 1 1/2 min a vel 3/4 fino ad arrivare a vel 7. 
Aggiungere poco alla volta le gocce di cioccolato a vel 2/3 .
Incorporare all'impasto ottenuto gli albumi montati precedentemente e azionare a vel 3 fino a quando gli albumi non si saranno bene incorporati.


A questo punto potete 
cuocere la torta in uno stampo da 24 cm in forno caldo a 180° per 45/50 min (ricordandovi sempre di provare a vedere con uno stecchino se la torta è asciutta al suo interno), 

oppure

fare come ho fatto io e cioè: prendere uno stampo da muffin un pò alto (magari anke da babà se ce l'avete) tagliare un quadrato di carta forno di circa 15x15 cm e aiutandovi con un bicchiere che possa entrare nello stampo crearela forma e dare  le pieghe in modo armonico (o almeno questo era l'intento!!)  versare uno o due cucchiai di impasto  nel "pirottino home-made" e infornare in forno caldo a 180° per 15/20 minuti sempre controllando con lo stecchino che il dolcetto sia asciutto all'interno.


Ora la parte più goduriosa quella da "lEccarsi le dita" per intenderci:la crema al burro.

Procedimento
In una ciotola sciogliere il cacao nell'acqua eliminando bene tutti i grumi (questo passaggio serve a far rimanere di un bel color marrone intenso la crema, una volata finita), in un'altra ciotola lavorare a crema il burro e lo zucchero a velo, a questo punto unite i due composti cioè il cacao e la crema al burro e lavorate molto bene.

Ora non vi resta che "farcire" la tortina speciale, speciale... io ho messo la crema solo in superficie ma nel caso facciate una torta grande si può pensare anche di tagliarla a metà farcirla e poi ricoprirla di crema...insomma è talmente buona che in qualsiasi modo la mettiate sarà un successo!!
Katia


2 commenti:

ditemi pure....i complimenti (o le critiche purchè costruttive) sono benvenuti...vi ascolto