martedì 24 agosto 2010

Conserviamoci un po’ d’estate in vasetto (seconda puntata) ….Marmellata alle pesche, vaniglia e mandorle

marmell
Eccomi come promesso con la seconda puntata, oggi una marmellata meravigliosa che, quando la mangerete quest’inverno riuscirà ad evocare l’estate  e suoi profumi in un solo cucchiaino.
Iniziamo dicendo che una cara amica mi ha regalato il ricettario Bimby *Le Conserve* (bellissimo), dove ci sono ricette tradizionali e non (le ultime sono quelle che preferisco, adoro provare gusti nuovi).
In questo periodo in cui la frutta non costa tanto (qualcuno avrà anche la fortuna di averla nel giardino o nell’orto, dunque costa ancora meno ma soprattutto è più buoooona!) e ce n’è in abbondanza, è il momento ideale per fare marmellate e conserve, io ne ho approfittato  per andare dal contadino e comperare un po’ di buona frutta, pesche per la precisione, e sperimentare questa ricetta me ra vi glio sa, che ho fatto nel Bimby, ma che si può fare anche sul fuoco come tutte le marmellate di questo mondo (solo ci vorrà un po’ più di impegno da parte vostra ;D per mescolare la marmellata perché non si attacchi)
Ingredienti
800g pesche gialle (con la buccia pelosetta) sbucciate e private del nocciolo
300g zucchero di canna chiaro
un cucchiaio estratto di vaniglia  e una  bacca
50 g di mandorle spellate
un limone (succo)

Procedimento con il bimby:
Tagliate la polpa delle pesche a tocchi grossi e metteteli nel boccale.
Aggiungete il succo di limone, lo zucchero, la bacca di vaniglia aperta e l’estratto, le mandorle, chiudete il bimby (ricordate come per tutte le marmellate di mettere il cestello del Bimby al posto del misurino per evitare gli schizzi) e cuocete a vel 1, antiorario per 30 min 100°.
Trascorso questo tempo continuate la cottura  per altri 20 min temp Varoma  antiorario vel 1  e controllate la densità con la prova del piattino: mettete una goccia di composta su un piattino e inclinatelo, se la goccia è densa e fa fatica a colare allora la preparazione è ultimata. al bisogno potete prolungare la cottura a Varoma per alcuni minuti

Procedimento senza Bimby:
Tagliate la polpa delle pesche a tocchi grossi e metteteli  in un tegame preferibilmente con il fondo spesso.
Aggiungete il succo di limone, lo zucchero, la bacca di vaniglia aperta e l’estratto, le mandorle e accendete il fornello a fuoco medio per poi abbassarlo quando la marmellata bollirà (se ce lo avete mettete un paraschizzi sul tegame per evitare di riempire di schizzi il fornello!) tenete mescolata con un cucchiaio di legno la marmellata fino a quando non avrà la densità desiderata (secondo me i tempi dovrebbero essere gli stessi dunque per un’oretta circa), se volete potete fare la prova del piattino: mettete una goccia di composta su un piattino e inclinatelo, se la goccia è densa e fa fatica a colare allora la preparazione è ultimata.
Terminato di cuocere la marmellata invasatela in vasi perfettamente puliti e sterilizzati (io li sterilizzo nel microonde come ho spiegato qui) riempiteli fino a 1  cm dal bordo, chiudeteli ben stretti e capovolgete il vaso per una decina di minuti. Io, per stare tranquilla, poi pastorizzo i vasetti facendoli bollire nell’acqua:

  1. avvolgo i vasetti in fogli di giornali , per evitare che toccandosi fra loro durante l’ebollizione si rompano;

  2. li metto in un pentola tanto grande da poter inserire i vasi;

  3. li ricopro interamente  in modo che l’acqua superi i vasi di circa 5 cm l’altezza del vaso più alto;

  4. accendo il fuoco, in genere per un vaso bormioli medio da 500 gr circa calcolo 30 minuti da quando l’acqua inizia a bollire;

  5. li lascio raffreddare  nell’acqua di bollitura.

Vedrete che dopo tutto ciò il centro del coperchio sarà abbassato (si è creato il vuoto  nel vasetto), ora si possono asciugare i vasetti etichettarli e riporli in dispensa pronti per affrontare l’inverno!!
to be continued…

domenica 22 agosto 2010

Conserviamoci un po’ d’estate in vasetto! (prima puntata)

foto 004
Oggi un post veloce, veloce visto che sono impegnatissima a invasare tutto ciò che posso!! (e che vedrete nelle prossime puntate).  Oggi inizio con il postare un trucchetto per conservarci il basilico, profumato e saporito per tutto l’inverno.
Ho visto questa *ricetta* l’anno scorso su Alice nel programma di Luisanna Messeri e, vista la praticità e  la semplicità l’ho provata immediatamente (dunque è della serie provata e approvata!), ho usato il basilico durante l’inverno passato e ha mantenuto tutto il suo sapore fino alla fine!
Gli ingredienti sono:
basilico (possibilmente bio e appena colto)
sale grosso
olio evo
E’ tutto semplicissimo, basta prendere un vasetto e sterilizzarlo (io lo metto nel microonde alla massima potenza, che per il mio è 750w, per un paio di minuti per ogni vasetto), lasciate raffreddare bene il vaso perché il basilico si ossida immediatamente con il calore e diventa nero.
Quando sarà freddo iniziate a mettere a strati il basilico e il sale grosso (se avete pazienza, cosa che io non ho, disponete le foglie in bell’ordine) una volta terminati gli strati riempite il vaso con del buon olio di oliva extravergine fino all’orlo, avendo cura di eliminare le bolle d’aria che si possono formare e di premere leggermente le foglie che poi diminuiranno di volume, chiudete e ricoprite di carta stagnola il vasetto così da non far prendere luce all’olio (bisognerebbe sempre tener coperte le bottiglie).

foto 012

Tutto qui! Io, come vi  dicevo, l’ho usato tutto l’inverno passato soprattutto  per la pasta al pomodoro tanto amata dai miei due mostri e siccome ne avevo fatto solo un vasetto e quando è finito aimè era ancora inverno, quest’anno ne ho preparato un po’ in più!
foto 010

To be continued…. alla prossima!

Aggiornamento: mi ero scordata di dire che io ho usato anche il sale e l'olio che, ovviamente, si sono arricchiti del sapore rilasciato dagli olii essenziali del basilico, dunque non si butta niente mi raccomando!!!

edit del 2 maggio 2011
con questo post partecipo al contest di Mamma in pentola dal titolo “Fantasie con il basilico”


basilicomedium


e partecipo anche al contest di About food!!

golose conserve 24/9-3/10


martedì 17 agosto 2010

Pesche da urloooo


pesche
Iniziamo con il dire che le ho sempre mangiate fatte da altri queste pesche e che solo l’anno scorso mi sono decisa a prepararle, in occasione del ferragosto a casa di una cara amica. Al tempo non ero ancora blog addicted come lo sono ora, e, dunque per reperire la ricetta ho chiamato un’altra cara amica e grandissima cuoca, da cui le avevo assaggiate.
Quest’anno, essendo ancora invitata per il ferragosto, e, essendo andate a ruba lo scorso anno mi sono detta :”ma sì, le rifaccio”, non sono andata a perdere la ricetta!! Allora sono andata nella blogsfera (non è un nuovo supermercato, eh! non sbagliatevi e soprattutto non andate a cercarlo!) e cosa ho trovato??(proprio qui dalla Pippi) le pesche!! E dopo aver scaricato la sua ricetta ho trovato anche la mia (in effetti il sottotitolo del blog dice appunti disordinati di cucina!) e… sono quasi uguali, io non mettevo le mandorle sopra, ma direi che non ci stanno niente male! Eccovi allora questa ricetta semplice, ma di un semplice impressionante ma che vi farà fare un figurone.
pesche al fornook
Ingredienti:
5/6 pesche (con la buccia pelosetta)
100 gr di amaretti
2 cucchiai di cacao amaro
una noce di burro
1 uovo
3  cucchiai di zucchero
poco vino bianco
5/6 biscotti tipo frollini (o quelli che avete in casa purché secchi)
mandorle a scaglie qb per decorare

Procedimento:
Innanzitutto procedete con il lavaggio accurato delle pesche sotto l’acqua corrente, dividetele poi a metà togliendo il nocciolo.
A questo punto con uno scavino o con un cucchiaino da caffè scavate un po’ ogni mezza pesca per fare posto al ripieno e mettete da parte la polpa di pesca che prelevate.
Nel Bimby (se siete fortunati come me) o in un robot da cucina, mettete la polpa delle pesche, i biscotti, gli amaretti, il cacao, lo zucchero, il burro e l’uovo e azionate per 30 sec vel 3/4 otterrete una purea marrone con cui dovrete riempire le mezze pesche che poi cospargerete di mandorle a filetti prima di infornarle.
Prendete una pirofila e mettete, prima delle pesche, 50 ml di acqua e 50 di vino bianco sul fondo,  un cucchiaino di zucchero e una piccolissima noce di burro; posizionate le mezze pesche in bell’ordine e mettete nel forno a 160° per 45 minuti.
Lasciatele intiepidire e servitele, sono ottime con gelato alla vaniglia, ma anche da sole (io le adoro fredde!).
Come al solito se le provate fatemi sapere cosa ne pensate!

mercoledì 11 agosto 2010

Ah... le caccavelle.....

Partiamo dalla premessa che è stato non duro, di più, decidere quale delle mie caccavelle avrebbe avuto l'onore della ribalta qui sul blog; si sono litigate tutte il primo posto fin da subito  e sono arrivate alla fine in tre, ma poi ha vinto Lei, un po' per anzianità (non saprei dire esattamente da quanto tempo giaceva nella mia credenza) e un po' perché tra tutte lei non è mai stata usata :( almeno fino ad oggi!

Qui mi tocca chinare  il capo in segno di pentimento... sono una donna che soffre di shopping compulsivo da caccavelle!! Me ne  innamoro a prima vista, a volta vedendole sulle riviste,  a volte nelle vetrine, a volte nelle foto delle colleghe blogger e poi non mi si levano più dalla testa e inizio a pensare a come mi siano assolutamente indispensabili e poi... una volta comperate, magari mi dimentico di averle... Il luogo preferito in cui mi piace comperare caccavelle però sono le fiereeee!! Chiariamoci, non le compero mai al primo passaggio, la maggior parte delle volte costringo parenti o amici (di solito il malcapitato è mio marito) a ritornarci una volta tornati a casa. Sono  irrecuperabile , lo so!! Ma quest'anno alla fiera del santo patrono ho RE SI STI TO!! Sarà l'inizio della disintossicazione???  Scordavo ho comperato due stampi in silicone per i cioccolatini... (mi ero veramente scordata) dunque direi che non sono sulla buona strada ma sono piena di buoni propositi, in ferie non ne ho comperate infatti (te credo, la macchina era così carica che se comperavo qualcosa rischiavo veramente il divorzio e il ritorno a casa a piedi!! Dalla Calabria a Piacenza è un bel pezzettino!!))  
Ma torniamo a Lei, a dire la verità non saprei nemmeno come chiamarla, era abbinata ad una piccola padellina antiaderente che doveva essere usata per cuocere uova, e frittelle tipo pancakes senza doverle girare, e la caccavella doveva servire a dosare il composto in ugual misura ad ogni frittellina. 
Finalmente, grazie ad Ornella di Ammodomio, ho usato  la mia caccavella e ... vi dirò non si è smentita!! E' proprio una caccavella come la intendo io... cioè: meglio il caro e vecchio cucchiaio!!Ah,ah, ah!! 
Per testare la vincitrice ho provato i famosi pancakes di Nigella, nella versione con ricotta (ma proverò presto anche quelli con il latte e basta visto che, come merenda hanno riscosso un successone con entrambi i mostri!! incredibile ma vero!! Hanno chiesto se ce n'erano ancora.)
Un'ultima cosa, ho trovato davvero inquietante fotografare la mia caccavella da ogni punto di vista e anche, poco poetico, ma non importa ogni caccavella è bella a mamma sua! Vero??
Scherzi a parte ringrazio ancora Ornella per la sua fantastica idea!!!
Vi lascio la ricetta dei pancakes nel caso abbiate anche voi la mia caccavella da provare, e, se non l'avete, fateli lo stesso sono davvero una leccornia!!!


Ingredienti
250 g di ricotta
125 ml di latte
100 gr di farina 0
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
2 tuorli d'uovo
2 albumi montati a neve

Procedimento:
In una terrina (per così poco non ho scomodato il Bimby) mettere la ricotta, il latte, i tuorli, il sale e mescolare con un cucchiaio di legno.
Aggiungere la farina setacciata con il lievito e per ultimo gli albumi montati a neve ferma.
A questo punto non resta che cuocere la pastella in una padellina antiaderente (se l'interno della padella è integro non serve nemmeno ungere il fondo) per un minuto per ogni lato, o comunque quando risulteranno di un bel colore ambrato.
Io li ho servito con del buon miele biologico e, se devo dervela tutta,  se li mangiavano così in fretta che ho fatto fatica a fotografarli!!
Buon appetito!!