Monthly Archives:

gennaio 2012

Autunno/ Primi piatti/ Ricette Sane

Tagliatelle! … quando le fanno gli altri sembra così facile…

Il titolo la dice già lunga su come è andata la mia prima esperienza con le tagliatelle…
Diciamo che questo mese finalmente ce l’ho fatta a riprendere con “la sfida” che più preferisco: l’MT challenge Sorriso  arrivo sul fil di lana, ma arrivo!
Diciamo che la sfida da subito mi è sembrata dura, non avendo io mai tirato la sfoglia a mano, ma solo con la macchinetta e nemmeno troppe volte, perché la pasta fresca in casa è sempre stata una prerogativa di mia nonna prima , di mia madre e mia zia poi,  il ruolo affidatomi mi consentiva fin da piccola SOLO di sistemare con bell’ordine tutte le delizie che loro preparavano, fossero anolini, tortelli o qualsiasi altra preparazione io potevo SOLO fare quello!  la cosa non mi piaceva granché e penso sia per quello che la preparazione casalinga di pasta fresca non mi attirava più di tanto, ma quando l’MT  chiama e quando io ho il tempo di ascoltarlo… SFIDA SIA!
Io, per mia natura, difficilmente me la scelgo facile,  potevo iniziare con una sfoglia normale? ma no! ho scelto una sfoglia con farina di farro integrale e sicuramente la mia scelta non ha semplificato il lavoro Triste

tagliatelle1

Ma veniamo nello specifico alla descrizione della disfatta totale…. ho impastato tutto nel bimby con la farina di farro e le uova e un goccino di olio  e l’impasto sembrava anche un tipo simpatico, bello da manipolare ma poi… poi… l’ho lasciato riposare (così si rilassa, dicono gli esperti) beh vi dirò che il mio si è proprio in*******ato! e non poco!!
Ho iniziato a stenderlo e la cosa non gli era molto gradita, armata di mattarello e di santa pazienza ho cercato di stendere una sfoglia come quella della Spisni (che vede anche qualcuno al di là, non mi ricordo più chi!) ma tutti i miei sforzi erano vani, l’impasto si continuava a rompere e, a dire la verità, non so chi era più nervoso tra me e lui!! Alla fine gli ho parlato, gli ho chiesto di raggiungere un compromesso, per portare a termine con dignità quello che stavamo facendo, gli conveniva pure a lui, sapete come sarebbe venuto male in foto??? beh, non gliene fregava niente, insomma ho continuato a stendere l’impasto ma dividendolo in parti perché di riuscire una sola sfoglia non ne voleva sapere.
Il risultato sicuramente non è alla pari di quello delle altre sfidanti ma credetemi il gusto quello era veramente strepitoso!!  il più scettico della famiglia (sempre mio figlio maggiore) ne ha mangiati due piatti enormi, perché secondo la sua teoria il farro è dietetico dunque se ne potrebbe mangiare pure una tonnellata che non fa ingrassare Sorpresa

tagliatelle-ingredienti

Trovo che sia stato azzeccato anche il condimento dal gusto dolce che contrastava un pochino con il retrogusto leggermente amarognolo delle tagliatelle.
Ora però, dopo il racconto delle mie vicissitudini, vi racconto la ricetta che sicuramente rifarò (magari non a mano ma con la macchinetta Con la lingua fuori

tagliatelle

TAGLIATELLE DI FARRO INTEGRALE AI FUNGHI PORCINI IN RAGU’ DI PORRI, ZUCCA E SALVIA

INGREDIENTI per le tagliatelle
300gr di farina di farro integrale
3 uova cod 0  intere
un cucchiaio di olio
30 gr di funghi porcini secchi
INGREDIENTI per il sugo
un pezzetto di porro (circa 1/3)
una fetta di zucca tagliati in cubetti piccoli (circa 300gr)
tre cucchiai di olio evo
50 gr di burro
5 foglie di salvia tritate finissime
PREPARAZIONE
Per le tagliatelle io ho messo nel bimby i funghi secchi e li ho ridotti in polvere a vel turbo per 30 sec, poi ho aggiunto la farina, le uova, l’olio e ho azionato a vel spiga per 2 min., ho tolto l’impasto dal boccale e l’ho messo a riposare per 30 minuti coperto con la pellicola. Trascorso questo tempo ho steso (o almeno ci ho provato) la pasta con il mattarello e poi ho fatto le tagliatelle.
Per il sugo  mettete in una padella antiaderente l’olio con il porro tagliato finissimo e fatelo rosolare per un paio di minuti, toglietelo dal fuoco e copritelo con un coperchio e lasciatelo così per 10/15 minuti o anche più, finirà di stufarsi per bene e non lo brucerete di sicuro.
Rimettete la padella sul fuoco e aggiungete la zucca tagliata in dadini piccoli (pressappoco della misura di un cappero per intenderci), alzate leggermente la fiamma e fate cuocere finché non sarà morbida  (ci vorranno una decina di minuti) spegnete il fuoco e intanto lessate le tagliatelle in abbondante acqua salata, scolatele e gettatele nella padella, fate saltare un minuto e, a fuoco spento, come per le mantecature,  aggiungete il burro e la salvia, servitele caldissime mi raccomando!!

image

Come al solito volevo ringraziare tutto MT TURISTICO, Ale, Dani e Giorgia per l’impegno che ci mettono, io non so veramente come fate!!  e ringrazio anche la vincitrice Alessandra che ha proposto questa sfida, senza la quale io sicuramente non avrei provato a fare le tagliatelle Sorriso

Bimby/ Colazione/ Dolci/ Per tutte le stagioni/ Ricette Base/ Ricette con la frutta/ Torte

Progetto colazione sana #3 Torta di mele veloce e senza grassi

torta di mele speedy

Rieccomi con il mio progetto, dovete sapere che da una discussione su fb un’ amica foodblogger mi ha fatto venire voglia di torta di mele, diciamo che la torta di mele è già sana di suo ma ho voluto provare una ricetta completamente priva di grassi (se non consideriamo le uova!) Non ci credete?? qui non ci sono né burro, né olio solo uova, zucchero, farina e frutta, come nelle pubblicità, avete presente? ma qui ci sono davvero solo quelle!
Ecco per rendere ancora più veloce la realizzazione ho provato  a cuocerla al microonde, non mi andava di accendere il mio forno, troppo grande (infatti ne ho preso uno piccino che arriverà a breve) per una torta così e in un battibaleno la torta era pronta!
Vi dirò che mio figlio, quello grande, non ama troppo le torte di frutta ma ne ha appena sbaffata una       giga-fetta per merenda  Sorriso  insieme ad una bella spremuta d’arancia, dunque io mi ritengo più che soddisfatta! 
torta di mele 1

Torta di mele senza grassi al microonde presa da qui con le mie solite modifiche
500 gr di mele sbucciate e  tagliate in tocchetti (io a dire il vero ho messo anche una pera che stava stazionando da troppo nel portafrutta)
4 uova intere
150 gr di zucchero (la ricetta originale ne prevedeva 200 ma le mie mele erano veramente dolci)
160 gr di farina 00
una bustina di lievito per microonde
due cucchiai di zucchero di canna scuro
Preparazione
Io ho messo nel Bimby a vel 3 con la farfalla le uova e lo zucchero  e ho impostato 37° visto che le uova erano decisamente fredde, ho lasciato montare così per 5 minuti mentre sbucciavo e tagliavo la frutta, poi ho aggiunto la farina e il lievito e ho azionato a vel 3 per amalgamare il tutto per 2 minuti; ho fermato, ho tolto la farfalla e ho  aggiunto le mele  e riazionato a vel minima con antiorario per 1 min.                                  [Il  tutto si può ovviamente fare sia a mano che con uno sbattitore elettrico, vi consiglio però di usare le uova a temperatura ambiente o di montarle, nel caso siano fredde, a bagnomaria e di aggiungere le mele a mano alla fine.]
Nel frattempo ho rivestito con la carta forno leggermente bagnata e strizzata,  una  pirofila in pyrex tonda del diametro di 23 cm, ho versato l’impasto e ho spolverizzato con lo zucchero (ho preferito mettere quello scuro perché dal microonde le torte escono un pochino palliducce, anche nonostante il grill e lo zucchero  aiuta, diciamo che dà un tocco di salute, un po’ come il fondotinta a noi donne Con la lingua fuori)
Ho posizionato la pirofila nel microonde al max., che per me è 750W per 9 minuti, trascorsi i quali ho messo ancora 3 minuti ma a 500W con il grill.

torta di mele2
Eccovi pronta una torta in pochissimo tempo, salutare e economica (che non fa mai male con i tempi che corrono)  e poi… ci si mette meno tempo a farla che ad andare a prenderne una al super!!
Arrivederci al prossimo post che sarà una digressione dal tema “colazione sana” ma credo vi piacerà ugualmente

Con questo post partecipo al contest di About food “I dolci con le mele”





Colazione/ Dolci/ Per tutte le stagioni/ Ricette con la frutta/ Ricette Sane

Progetto colazione sana #2 porridge

  Mi pare di sentire la voce di alcune di voi che dicono: “po… che cosa?” PORRIDGE, ma penso sia normale, io lo avevo sentito nominare solamente nei film ambientati in Gran Bretagna ma non avevo mai pensato bene di rifarlo fino a che, come vi avevo già detto, non ho visto quello di Alex,  e lì mi è partito l’embolo e me lo sono preparato per colazione. Questa simil-pappetta che all’inizio potrebbe sembrarvi poco rassicurante dall’aspetto ha grandi vantaggi primo dei quali mantiene a lungo il senso di sazietà, io ho imparato a prepararmelo quando prevedo di fare tardi per pranzo, è decisamente l’ideale non mi viene fame davvero per tutta la mattina, eliminando così  pasticciamenti vari a metà mattina e non solo sazia ma non appesantisce assolutamente se poi uniamo al tutto che è anche buono direi che non vi resta che provarlo! porridge   Eccovi la ricetta di Alex [copiata pari pari] Ingredienti: Ingredienti per 1 persona:

  • 5 cucchiai colmi di fiocchi d’avena
  • 1 tazzina da caffè di acqua
  • 1 -2 cucchiaini di miele
  • 1 mela tagliata in tocchetti (o un altro frutto a piacere)
  • 1 presa di cannella in polvere (o altra spezia a piacere, p.es. cardamomo)
  • 1 presa di polvere d’arancia io avevo fatto quella di limoni
  • 2 cucchiai di yogurt magro io di yogurt home-made direi nonpropriomagroCon la lingua fuori
  • 3-4 nocciole (io mandorle in scaglie)

Preparazione:
Mettere a scaldare in un pentolino i fiocchi d’avena con l’acqua ed il miele finché il composto non si sarà addensato. Unire lo yogurt, la cannella e la mela tagliata a pezzettini. Mettere in un piatto e aggiungere una spolverata di polvere d’arancia e le nocciole tritate.

CONSIGLIA Olive Ascolane