mercoledì 22 febbraio 2012

Pollo alla birra

 

pollo3

Buongiorno! eccomi con una ricetta che è piaciuta tanto in casa, pratica veloce e anche di riciclo, se vogliamo.

Pratica perché è sufficiente mettere il pollo in marinata in frigo, magari anche il giorno antecedente la preparazione, veloce perché la cottura (grazie anche alla marinatura) non richiede troppo tempo e di riciclo perché lo trovo un ottimo modo per recuperare la birra aperta che magari staziona in frigo da qualche giorno. Per la cronaca qui si procede al  sorteggio per vedere a chi toccherà di berla, sgasata e svanita, perché diciamocelo la birra è buona appena aperta, ho provato tappi di tutti i tipi ma niente! o la si beve appena  aperta o non la si gode appieno, anzi!

pollo1

 

E’ inutile che io vi stia a dire che se il pollo è bio è meglio, vero? la carne ha tutto un altro sapore io prendo questi e vi dirò che la differenza si sente!! mi direte che si sente anche nel prezzo, avete ragione, ma piuttosto preferisco mangiarlo una volta in meno ma mangiarlo bene!

INGREDIENTI

1,2 KG di pollo bio (io preferisco cosce, sotto-cosce e ali, ma va bene anche un pollo intero tagliato a pezzi)

10/15 cipolline di tropea piccole

un cucchiaino di timo in polvere (se lo avete fresco meglio ancora)

4-5 foglie di salvia

un rametto di rosmarino

2 cucchiai di olio

33 cl di birra (io ho usato una birra artigianale tipo weiss)

sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE

Prendete un sacchetto per i congelati bello grande e infilateci dentro il pollo tagliato a pezzi (ovviamente gli avrete fatto la ceretta e sarà pulito e ben lavato), mettete nel sacchetto tutti gli aromi, il pepe (una macinata abbondante) metà della birra circa e chiudete il sacchetto, appoggiatelo in una pirofila (più che altro per evitare che si rovesci qualcosa, ma se lo avete chiuso bene non dovrebbe succedere) e riponetelo in frigorifero per un paio d’ore almeno, se son di  più non guasta Occhiolino Se vi ricordate ogni tanto andate in frigo rigirate i pezzi in modo che prendano la marinata tutti in egual modo!

Trascorso il tempo della marinatura, togliete i pezzi di pollo e asciugateli con lo scottex, filtrate con un colino la birra e tenetela da parte.

Scaldate un tegame con i due cucchiai di olio, e aggiungete i pezzi di pollo, salate, pepate e fateli rosolare per bene, bagnate il pollo con la marinata filtrata e alzate la fiamma, continuate la cottura per 4/5 minuti in questo modo, poi abbassate la fiamma e cuocete per 20/25 coprendo con un coperchio.

Intanto pulite le cipolle e se sono troppo grosse tagliatele a metà, aggiungetele al pollo e se serve bagnate con la birra rimanente continuando la cottura ancora per 15/20 minuti (controllate la consistenza del pollo, se è bio i tempi possono allungarsi un pochino)

Servite ben caldo accompagnato da una bella insalata fresca! e buon appetito!!

lunedì 13 febbraio 2012

Cannoli ripieni … arriva il Carnevale!

 

cannoli1

 

Buona settimana di carnevale a tutti! Sapete, a me il carnevale non è che piaccia poi tanto, non ho mai amato vestirmi da bambina, ho iniziato ad apprezzarlo con la nascita dei mostri, mi piace preparare i costumi per loro e poi… a volte capita che ne preparo uno anche per me, per accontentarli!

Se del carnevale non amo i travestimenti però adoro i dolci, ovviamente fritti, se no che dolci di carnevale sono? Di solito preparo frittelle e sprelle e magari anche questi ( se ho tempo a disposizione) ma quest’anno ho voluto provare una ricetta vista su “Sale e Pepe” , la foto mi ha fatto innamorare e così ho deciso di provare a riprodurli!! sono stati un vero e proprio successo, vi consigli di rifarli, sembrano difficili ma credetemi una volta capito il trucchetto sarà un gioco da ragazzi!

 

cannoli vintage

 

Ingredienti per 8/10 persone

PER L’IMPASTO

600 gr di farina

80 gr di zucchero

180ml di latte

2 uova intere

25 gr di lievito in cubetti o una bustina di lievito secco

80 gr di burro

PER LA CREMA

una dose di crema bimby preparata con:

500ml di latte intero

100 gr di zucchero

2 uova

50 gr di farina 00

un cucchiaino di estratto di vaniglia home-made (o un baccello di vaniglia)

OLIO DI SEMI DI ARACHIDE PER FRIGGERE IN PROFONDITA’ (almeno un litro)

zucchero a velo per guarnire

Preparazione

Versate il latte intiepidito in una ciotola, unite il lievito di birra sbriciolato e lo zucchero  e mescolate fino a che il lievito si è sciolto, aggiungete la farina il burro sciolto una grattatina di noce moscata, le uova e un pizzico di sale e impastate gli ingredienti per almeno 5 minuti finché non otterrete un impasto liscio ed omogeneo (così recita la ricetta).Io nel Bimby faccio così metto il latte leggermente intiepidito con il lievito di birra, lo zucchero e aziono a vel 3 per 40 sec., poi aggiungo il burro, le uova il sale e la noce moscata e infine la farina e aziono tutto a vel spiga per 2 minuti.

Si trasferisce l’impasto in una ciotola e si ricopre con la carta velina e si mette a riposare per un paio d’ore almeno in un luogo tiepido (con il freddo di questi giorni magari serve anche un tempo più lungo, comunque  fino al raddoppio)

Intanto che l’impasto lievita preparate la crema per la farcitura, io preparo questa perché è veloce, in casa piace perché non nausea e  non serve aggiungere panna perché è già delicata così da sola, nel Bimby è semplicissimo si mettono tutti gli ingredienti insieme e poi si aziona a vel 4 per 7min a 80°. Se non avete il bimby potete preparare una dose di crema pasticcera a vostro piacimento , se  volete una  ricetta con questa non sbagliate!

Quando il vostro impasto sarà lievitato, stendetelo delicatamente in un rettangolo finché non raggiunge lo spessore di 1/2 cm circa, aiutatevi con la farina sia sulla spianatoia che sulla pasta ma senza esagerare, con un coppapasta come questo o con un bicchiere (quelli della nutella per intenderci) ricavate tanti cerchi tanti più potete, e cercate di allungarli fino ad ottenere una forma ovale, a questo punto prendete le forme per cannolo e cercate di avvolgervi intorno la pasta fino a che le due estremità non si sovrappongono, e proprio lì dove combaciano con un pennellino o semplicemente con un dito bagnate leggermente con un pochino di chiaro d’uovo leggermente battuto che farà da collante (altrimenti si apriranno durante la frittura).

I tre segreti per un fritto perfetto:

  1. La tecnica del cucchiaio di legno vi sarà d’aiuto per capire se la temperatura dell’olio è giusta anche senza un termometro da cucina: se immergendo il manico del cucchiaio di legno fino sul fondo del tegame questo farà tante piccole bollicine vuol dire che il vostro olio è pronto!
  2. Ricordatevi di  friggere in olio profondo, almeno 4 o 5 dita, perciò meglio tegami non troppo grandi a meno che non dobbiate friggere per un reggimento,  per avere un fritto asciutto è fondamentale
  3. Ricordatevi di NON  immergere troppi cibi  insieme altrimenti la temperatura dell’olio di abbasserà di colpo e il vostro fritto non sarà più così asciutto e croccante!

Quando il vostro olio sarà caldo, potete procedere con la frittura, scolateli quando saranno dorati e farciteli, una volta freddati, con la crema, fredda anch’essa! Una spolverata di zucchero a velo e eccovi un dolce di carnevale veramente meraviglioso!!

COME???? COSA??? MI SEMBRA DI SENTIRVI GIA’ DIRE : “CHE DIFFICILI, I CANNOLI!!!E POI CHI CE L’HA QUELLE FORME???”

Beh, le forme si trovano in tutti i supermercati, ma se non vi va di cimentarvi con i cannoli nessuno vi vieta di fermarvi alla forma tonda fatta con il bicchiere delle nutella (per quello no potete trovare scuse Con la lingua fuori), potete friggere i cerchi che si gonfieranno in cottura e poi farcirli a mo’ di panino con la crema pasticcera, cambierà la forma ma il risultato no di certo!! dunque non avete scuse, dovete farli!!! ANZI IO LI RIFARò E VI POSTERò LE FOTO!! tanto questi non son durati tanto, giusto il tempo delle foto!!

ps mi raccomando di friggere anche i pezzetti di “scarto” , si fa per dire, dell’impasto, sono ottimi!!!!

 

cannolivintage1

giovedì 2 febbraio 2012

Gelatina di vaniglia…

 

gelatinavaniglia

 

Se pubblicare o no questa ricetta ci ho pensato molto tempo, poi la mia decisione è stata quella di condividerla con voi, ma ora vi spiego il perché dei miei dubbi.

Ho comperato in un negozietto bio di Campagna amica un meraviglioso yogurt bianco (veramente buono e praticamente uguale a quello fatto in casa) che viene venduto in vasetti, alla cui base c’è una marmellata*(passatemi il termine anche se so che è inesatto) di vaniglia Con la lingua fuori, non buona, dipppppiù.

e ad una foodblogger sperimentatrice secondo voi cosa salta in mente mangiando una tal delizia? di rifarla, ovviamente!

Beh, ci ho provato… e il risultato? diciamo che non mi ha soddisfatto pienamente Triste diciamo che ho capito che le consistenze troppo gelatinose non mi piacciono e che ho capito che non ho capito come diavolo hanno fatto a farla così buona! Sicuramente non hanno usato le bacche visto che è di colore bianco, e nemmeno lo zucchero di canna (come invece ho fatto io)… ma in ogni caso la consistenza di quella comperata è proprio simile ad una marmellata, la mia diciamo che era più simile ad una gelatina piuttosto duretta, di gusto era decisamente buona ma sulla consistenza dovrò ancora lavorarci, io ho usato l’agar agar e forse era meglio usare i fogli di colla o la pectina, intanto vi metto la ricetta, perché mi sono detta che a qualcuno piaceranno anche le consistenze gelatinose, in America ne vanno pazzi … e ci sarà pure qualcuno anche qui!

Ma ditemi a voi piacciono?? Se la risposta è sì provatela!! io ho  pensato che la sfrutterò sulle torte di frutta riscaldandola dovrebbe tornare allo stato liquido per poi riaddensarsi una volta freddata.

gelatinavaniglia1

 

Gelatina di vaniglia

Ingredienti

200 g di acqua

3 cucchiai di zucchero di canna chiaro

una bacca di vaniglia

un cucchiaio di estratto di vaniglia home-made

una punta di cucchiaino di agar agar

Preparazione

In un pentolino mettere l’acqua, lo zucchero, i semi della bacca di vaniglia e la bacca aperta, l’estratto e portare a bollore; lasciate bollire per qualche minuto finché il tutto non diventa leggermente sciropposo e poi aggiungete l’agar agar mescolando bene per non fare grumi, continuate la “cottura” per 5 minuti, poi prendete un vasetto sterilizzato e versate il composto (io l’ho fatto passare con un colino a maglie strette per togliere le impurità), chiudete il vasetto e capovolgetelo per una decina di minuti così da far fare il sottovuoto.

Non spaventatevi se vi sembra liquido, raffreddandosi si solidificherà!

Ovviamente se lo provate mi dite se vi è piaciuto??

 

ps sarà che per me la vaniglia è idea di dolcezza, dolcezza è amore e amore… beh, S. VALENTINO, ovviamente questo post così dolce è dedicato a tutti gli innamorati, tutte quelle persone che, come me hanno avuto la fortuna di trovare la persona giusta, l’altra metà del cielo, la loro mezza mela (devo continuare??) Io ho preparato dei vasetti,  ma perché non versare la gelatina su una placca e poi coppare con le formine tanti cuori per il vostro/la vostra innamorata e usarli come decorazione per un dolcino??

Tipo: così?

 cuorigel

 

Con questo post partecipo al contest *Cibo e Baci* di About food  in collaborazione con Smartbox

 

image

e anche al contest di Cucinando   *Cucinando con il cuore – il contest degli innamorati*

 

image