mercoledì 11 dicembre 2013

Amaretti Morbidi per il Fbcookieswap 2013

 

fbcookieswap2013

Eccomi, indietro come la coda del maiale, come si dice dalle mie parti!

Ieri sera volevo preparare il post per oggi ma sono collassata sul divano dopo aver fatto millemila cose e solo da ultima  “Pino” l’albero di Natale, visto che il piccolo mostro insisteva da almeno una settimana!!

Per cui, pant, puff, ecco il post per The Great Food Blogger Cookie Swap a cui partecipo ogni anno, a dire il vero è solo il secondo anno, ma conto di partecipare per tutti gli anni a venire!

Chi non appartiene al mondo dei food blogger forse non può capire ma è veramente meraviglioso e appagante preparare biscotti per amiche virtuali già conosciute, perfettamente estranee o solo viste a qualche evento di sfuggita!

Io sono stata fortunatissima con gli abbinamenti. Ho preparato questi che sono in assoluto i biscotti preferiti in casa, per blogger di un certo calibro come Giulia, Serena e Monica ed  è stato un piacere immenso!

Ma ora bando alle ciance eccovi la ricetta  degli Amaretti morbidi di Montersino: TRE PI TO SI!! PROVATELI!! Ovviamente va da sé che sono un #regalino home made perfetto, sono addirittura Gluten free, cosa si può volere di più, vero?

amaretti morbidi

AMARETTI MORBIDI

INGREDIENTI con questa dose ne vengono davvero tanti, in base alle dimensioni varia la quantità a me ne sono venuti circa 120/130

575 gr di mandorle intere pelate
625 gr di zucchero semolato
80 gr di mandorle amare**
180 gr di albume
zucchero al velo q.b.

PROCEDIMENTO

Tritare i due tipi di mandorle insieme allo zucchero per ottenere la farina. Versare la farina ottenuta in una terrina capiente e aggiungere gli albumi mescolando fino ad ottenere un composto omogeneo, risulterà decisamente appiccicoso ma non preoccupatevi è normale.

Spolverizzare la spianatoia con abbondante (E DICO  DAVVERO ABBONDANTE) zucchero a velo e formare dei cilindri da cui ricavare dei tocchetti il più possibile uguali.

Infarinarsi le mani con lo zucchero a velo e formare delle palline, io ho dato la forma che Montersino suggeriva semplicemente premendo con pollice, indice e medio sulla spianatoia, mi piaceva di  più che fossero piramidali che non a pallina.

Mettere tutte gli amaretti formati allineati su una teglia foderata di carta forno e lasciare riposare per una notte intera. Cuocere gli amaretti a 210° per circa 10/12minuti, fino ad ottenere una doratura omogenea. (Cuocendoli in questo modo gli amaretti rimarranno morbidi dentro e leggermente croccanti all’esterno, se li

preferite croccanti dentro e fuori, cuoceteli a 170° per 25/30 minuti)

NOTE:

**DOPO LUNGHE RICERCHE PENSO DI AVER CAPITO CHE LE UNICHE MANDORLE AMARE CHE RIESCO A TROVARE SONO LE ARMELLINE, CIOE’ QUELLE MANDORLE CHE SI TROVANO ALL’INTERNO DEL NOCCIOLO DELLE ALBICOCCHE, IO RIESCO A REPERIRLE SOLO AL NATURASI’, NON SONO AMARISSIME MA DONANO UN GUSTO UNICO A QUESTI BISCOTTI!

IO HO POI PREPARATO UNA VARIANTE INSERENDO MEZZA AMARENA SCIROPPATA IN OGNI AMARETTO, se erano piccole magari anche una intera,  TROVO CHE L’ABBINAMENTO AMARENA, MANDORLA SIA DIVINO!

ULTIMA NOTA, DURANO TANTISSIMO, IN UNA SCATOLA DI LATTA SI CONSERVANO ANCHE 20 GG, qui non resistono una settimana, ma perché se li mangiano prima!! per conservarli posso solo NASCONDERLI!!

Ora vi lascio e corro a leggere le ricette dei biscotti che sono arrivati a me!! da GiuliaLorenza e Simona 

e per chi volesse vedere cosa avevo combinato lo scorso anno.. ecco il link al post!

A domani con un’altra idea veloce e semplicissima per i #regalini home made!

2 commenti:

  1. Persino gluten free, ma non dolcezza free.
    E' sempre bello scoprire biscotto dopo biscotti le emozioni di chi partecipa al Great Foodblogger Cookies Swap

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossella è solo grazie a te che lo scorso anno ho scoperto il fbcookieswap!! e per fortuna, come tutte le iniziative a cui partecipiamo noi blogger, lo trovo davvero arricchente!! un bacio cara e speriamo di vederci presto! :)

      Elimina

ditemi pure....i complimenti (o le critiche purchè costruttive) sono benvenuti...vi ascolto