venerdì 24 maggio 2013

La torta più bella del mondo

 

E con questa abbiamo chiuso! Il mio piccolo mostro domenica scorsa ha fatto la cresima, è stata una bellissima festa che mi ha impegnato nella settimana precedente (a causa della mia incapacità a non essere eccessiva!)

Mi rendo completamente conto di non avere limiti e, ancora di più quando, come questa volta, non mi trovo da sola ad organizzare una festa, infatti ero molto intimorita

La location è stata una delle più gettonate in zona, LA MAGNANA, una cooperativa sociale finalizzata all'inserimento lavorativo di soggetti in stato di disagio sociale, si trova alle porte della città ed è un vero angolo di paradiso, dove volontari e volontarie si occupano di organizzare feste, pranzi, cene e non solo.. di vendere i prodotti AGRICOLI che la cooperativa produce, dunque solo frutta, verdura e farine Biologiche e di stagione  se poi si considera che il ricavato va interamente in beneficienza, è ancora meglio!

Tagliando corto, la settimana scorsa sono stata alle prese con la realizzazione dei tavoli, delle bomboniere e della torta (ve lo dicevo prima, non ho cognizione!!) i posti tavola da preparare erano circa 80 (non erano tutti ospiti miei, erano 6 cresimandi con i rispettivi invitati!)

Per i tavoli l’idea è nata di colpo e poi si è evoluta pensando all’ambiente agreste che ci avrebbe accolto l’associazione di idee con la carta naturale al posto delle tovaglie è venuta da sola, e di seguito tutto il resto, piccoli sacchetti in carta avana che, legati con il colore del piatto su cui posavano, contenevano tutto il necessario (2 tovaglioli, uno tinta unita e l’altro in abbinamento ai piatti e forchetta, coltello, cucchiaio e cucchiaino, bicchieri in plastica trasparente in due misure (uno per l’acqua e l’altro per il vino);  bottiglie segnaposto avvolte da carta naturale e legate con rafia nei tre colori scelti e uno o più fiori (io ne ho preferito uno solo, giallo!)

 

postobianco

postoverde

 

bottiglia1

 

bottiglia2DSC_0043

 

bottiglia

 

 

postoverde1

 

Per le bomboniere ho realizzato un oggetto che al mio piccolo (mi dovrò abituare a non chiamarlo più piccolo!! ma faccio fatica!) piace assai, un piccolo notes, fogli in carta paglia e cartoncini di tutti i colori come copertine, due piccoli taglietti per inserire delle piccole matite nere ricoperte con un washi tape in tonalità blu come  i confetti (che ho tagliato a misura con un taglierino) e una piccola scatoletta in plastica trasparente che conteneva i confetti in sui toni azzurro/blu, in copertina tanti palloncini colorati spinti dal vento.. quel vento che rappresenta anche il soffio, il respiro che ci tiene in vita!

 

bomboniere2

 

bomboniere

 

bomboniere1

e con una tavola tutta a pois e righe di tanti colori, una bomboniere con palloncini e cartoncini colorati come poteva essere la torta? Ovviamente COLORATISSIMA!

volevo usare gli Smarties e gli M&Ms che PIACCIONO tanto al festeggiato, che come già per la precedente festa, aveva scelto la torta di mars, e pensa e ripensa che cosa ho combinato?

Ecco! una delle torte più belle che io abbia mai fatto, l’ingrediente principale è la pazienza, il sacrificio è stato ampiamente ripagato dalla faccia del festeggiato e dal suo WOW!

 

torta2

 

torta3

 

torta1

 

Le istruzioni per realizzarla sono semplicissime:

Preparate tre torte di mars in tre tortiere con tre diametri diversi e proporzionati, io ho usato una 28cm, una 20cm e una 12cm (se non avete le teglie non preoccupatevi, dei tegami dal bordo leggermente alto andranno benissimo!) e ho raddoppiato la dose classica

sovrapponetele quando sono ancora tiepide così si salderanno bene tra loro

Ora inizia il lavoro da certosino, bisogna tagliare i Mikado (io ho scelto i bianchi perché sono i preferiti di mio figlio e il contrasto colore ci stava bene ma si possono usare anche quelli al cioccolato) la misura che ho tenuto è circa un cm in più dell’altezza della torta, così che potesse contenere le caramelle

Ho preparato  una glassa con limone e zucchero a velo abbastanza soda e ho iniziato ad attaccare i bastoncini intorno alla circonferenza delle torte.

Una volta  finito di ricoprire tutti i bordi, ho legato dei nastri di diversi colori per abbellire la torta ma anche per tenere bene uniti i bastoncini!

Ho riempito gli strati con caramelle di varie dimensioni: in alto c’erano M&Ms con il cuore di arachidi, e sotto, smarties e mini smarties.

Vi assicuro che l’effetto ottico è meraviglioso!

 

tortacol

e anche questa ultima cerimonia si è conclusa, è stata proprio una bella giornata, riempita dalla presenza di  amici nuovi e vecchi, un bel ricordo da aggiungere all’album di famiglia!

martedì 21 maggio 2013

Completiamo la cura della lavastoviglie

[post sponsorizzato]

Se fino ad oggi vi abbiamo parlato di come prendervi cura della vostra lavastoviglie con un prodotto che va usato ciclicamente e con uno che la “coccola” tutti i giorni, oggi vi parlerò, anzi vi parlerà, del brillantante!!

Trovo non ci sia niente di più fastidioso del tirare fuori i piatti, ma soprattutto i bicchieri dalla lavastoviglie con quelle odiosissime macchie di calcare o di acqua dovute soprattutto ad una cattiva asciugatura o all’uso di un prodotto sbagliato!

Se poi mettiamo sul conto che le stoviglie che escono dalla nostra lavastoviglie devono essere impeccabili per impiattare le prelibatezze che la mia cuoca prepara e soprattutto fotografa, la soluzione è una sola: Pril brillantante!

Grazie alla sua speciale nuova formula

-è efficace sulle stoviglie, rende brillanti anche i bicchieri più delicati,

- lascia una lavastoviglie scintillante (anche sulle pareti interne della lavastoviglie) e

- soprattutto il filtro rimane pulito più a lungo per garantirti un miglior funzionamento senza aloni e residui anche nelle parti più nascoste.

Tra l’altro, Pril Brillantante è stato testato anche sui prodotti RCR Cristalleria Italiana, che ne raccomanda l'utilizzo!!

prilbril

E allora cosa aspettate?? Se avete seguito i nostri consigli avrete una lavastoviglie perfetta anche per cucinare!! Cosa non lo sapete?? Si, si può cucinare anche in lavastoviglie!! Guardate un po’ cosa si è inventata questa ragazza!! (qui metterò il link al libro di lisa casali!)

mercoledì 15 maggio 2013

Vercelli #2 il racconto continua..

 

Vediamo se riesco a finire di raccontarvi tutto quello che è accaduto durante i due giorni tra le risaie.. facciamo così, mi impegno al massimo e cerco di essere sintetica (sfida persa in partenza!)

Vediamo,  dove eravamo rimasti?

Giusto qui! Guardate come abbiamo lasciato la cucina dopo aver cucinato? Per una volta non ci è toccato pulire e meno male!!

DSC_0110

 

Bene iniziamo il nostro tour, oggi non vi annoio con  i miei racconti logorroici , proverò a descrivervi tutto con gli scatti che ho realizzato!

benvenuti

 

kitchen

                                          Il locale che ci ha ospitati e come ci ha accolti!

 

dolcezze

 

dolcezze1

                                 Le dolcezze che ci hanno preparato

 

 

the

 

the1

 

thecaldo

 

thecaldo1

Thè freddi davvero particolari e gustosi tutti naturali e con questi thè caldi dal packaging accattivante!

fico e uva

                    La piccola Caterina che si mangia amabilmente il packaging di cui sopra Con la lingua fuori

DSC_0135

Un giro veloce per Vercelli accompagnati dalla guida di VCGUIDO! (se ci pensate nome più azzeccato per un servizio simile non c’è!)

e poi via di corsa alla città del riso per conoscere tutto ma proprio tutto sul riso…

cittariso

come si passa da questo

DSC_0149

a questoDSC_0151

con l’aiuto di questa macchina meravigliosa..

DSC_0143

Via di corsa in Hotel a prepararsi per la cena stellata che ci aspettava dai Fratelli Costardi!

E’ inutile dirvi che è stata superba! Peccato che le luci fossero molto basse e le foto non siano venute per niente Triste 

Buona la cena e bella la compagnia!

L’indomani siam partiti per un giro turistico tra le risaie, divertimento e cultura sono andati di pari passo, abbiamo capito che:

  • il sistema di canali che è linfa vitale per le risaie risale ai tempi di Cavour ma funziona molto meglio di molte invenzioni moderne

DSC_0208

  • che il mestiere dell’acquaiolo si impara solo sul campo, giorno dopo giorno con l’esperienza

DSC_0211

  • che ci sono agricoltori giovani che credono e investono in quello che fanno (come Alice che ci ha fatto da Cicerone nel nostro safarisaia a bordo di un trattore!)

183104_10200353646100278_401250521_n

  • che ci sono aziende serie, fatte di persone che lavorano con passione, che amano il loro  lavoro e il loro prodotto e che investono su prodotti innovativi come il Crunchy rice

575674_432968640125359_2088480089_a

  • che ci sono albergatori e enti di promozione turistica che credono e sanno quanto vale il territorio e fanno di tutto per valorizzarlo!
  • infine ho  consolidato il concetto che queste esperienze mi piacciono un sacco, mi fanno conoscere persone nuove con cui condivido questa passione per il cibo e tutto ciò che ci gira intorno, che amano quanto me cucinare, mi lasciano ricordi che rimarranno indelebili nella memoria…

Grazie a tutti quelli che hanno vissuto con me questa VRE1!! A quando la prossima!??

943474_10200353646820296_326842638_n

 

 

ps le ultime due foto non sono mie, e si vede, sono della bravissima Silvia Pastore che ci ha seguito e fotografato per tutti e due i giorni ininterrottamente! Grazie anche a te Silvia!!

martedì 14 maggio 2013

Volere bene agli elettrodomestici… continuano i consigli.. [post sponsorizzato]

 

Spero che il post precedente con la Special Guest Star vi sia piaciuto, perché lui si è divertito, e, visto che volevamo parlarvi di un altro prodotto, gli ho chiesto se se la sentiva … e lui ha accettato!

Dopo avervi spiegato come fare per risparmiare usando la vostra lavastoviglie, oggi vi volevo raccontare cosa fare per eliminare i cattivi odori.

Ci sono ovviamente sempre i rimedi della nonna, aceto e limone; se il primo vi ho già consigliato di aggiungerlo al cura lavastoviglie per potenziarne i risultati, vi dirò che per il limone abbiamo riscontrato che lasciarlo nella lavastoviglie per diversi lavaggi dà come risultato un odore sgradevole, meglio è lasciarlo in lavastoviglie quando non la utilizzate, per esempio prima di partire per le vacanze, o se vi assentate per un week end, perché altrimenti rischiereste di trovarvi la lavastoviglie invasa dalle muffe!

PRIL1DEO

Noi preferiamo usare un deodorante in perle, precisamente PRIL-ODOR-BLOCK; siamo un po’ sensibili agli odori in casa, e vogliamo qualcosa che li tolga ma senza lasciarne altri e questo è perfetto, persino quando in lavastoviglie finiscono i piatti reduci da una serata di frittata o uova sode, due pietanze che hanno il potere di lasciare uno sgradevolissimo odore anche quando i piatti sono stati lavati.

 

Che dirvi se non che l’unico modo per farmi sapere se ho ragione è quello di provarli??

Dimenticavo… lo stesso prodotto è presente in altre due profumazioni: limone e mela verde.

mercoledì 8 maggio 2013

Vercelli Rice Experience #vre1

 

vercelliriso

Finalmente dopo tanta attesa vi racconto cosa ha significato per me partecipare a questa 2 giorni tra le risaie.

Già dopo il Salone del gusto di Torino di ottobre mi ero resa conto di quanto possono essere arricchenti esperienze full immersion come queste, di sicuro la VRE non ha fatto altro che confermarlo!

Iniziamo per gradi perché le cose da raccontare sono tante e non voglio dimenticarne nemmeno una, dunque mettetevi comodi che inizio!

Sono stati due giorni di “coccole di cultura” come ho pensato di definirle io, iniziati con un incontro alla stazione di tutti i partecipanti, già si percepiva che il clima sarebbe stato amichevole e divertente

Tutti insieme siamo saliti a bordo del nostro autobus alla volta del mercato della ridente cittadina che ci ospitava, non so ci sia modo di  descrivervi le facce degli ambulanti e degli abitanti, increduli nel vedere un’orda di giornalisti del settore, addetti ai lavori e 11 foodblogger per lo più armati di macchina fotografica, i-pad, iphone e chi più ne ha più ne metta, tutte ma proprio tutte con una busta nera in mano contenente 10€. Questo era il nostro budget per cucinare una ricetta a base di riso, insolita, originale per far vedere che riso non equivale solo a risotto ma  che si può declinare in mille ricette gustose e saporite!

 

Aggiornato di recente7

My Photo Stream

Bene! spesa fatta, via di corsa a Casa Verdi, dove ci attendeva una cucina professionale, dove, dopo una piccola e piacevolissima introduzione sulla coltivazione del riso, da parte del “”Maschio Alfa  Michele”” dell’azienda Risi & co altresì conosciuta da tutti come Gli aironi, tutte noi blogger chiamate a raduno abbiamo indossato il grembiule, ci siamo rimboccate le maniche e ci siamo messe al lavoro: avevamo un’ora e mezza di tempo per realizzare la ricetta che avevamo pensato, una più bella (ma anche e soprattutto buona!) dell’altra!!

Vi starete domandando quali erano queste meravigliose ricette, immagino! bene guardatevi qualche scatto qui, tutti realizzati da una bravissima fotografa!

Quando Maurizio mi ha chiamata chiedendomi una ricetta che avesse protagonista il riso ma differente da quella che avevamo preparato per il concorso mi sono messa a pensare e non mi veniva in mente niente, poi, come mi capita molto spesso, quando mi sembrava di non pensarci più, BOOM MI SI è ACCESA UNA LAMPADINA!  Ho pensato che potevo usare ancora il riso Venere, che tanto successo aveva riscosso nel plumcake, ma stavolta in una ricetta salata, una tempura (o si dice un tempura?? boh, a me “una” piace di più!) con farina di riso venere.

La ricetta è quella che avevo usato per la frittura di fiori di qualche primavera fa, non è la mia, è presa da quel genio e sregolatezza di Simone Rugiati, è la mia ricetta perfetta per la tempura, o solo sostituito la farina di riso con la farina di riso venere (questa volta era già pronta e non me la sono dovuta macinare!!)

Il risultato? diciamo che posso darvi un indizio: il fatto che io abbia preparato il mio piatto per la presentazione e che per le due ore successive o quasi io abbia fritto, vi sembra un indizio sufficiente per capire quanto fosse buona?? ci mancava che friggessi le scarpe dei partecipanti, io preparavo e in un baleno si svuotava la bastardella con il fritto!! Ho fritto tutti i miei ingredienti e tutti gli “avanzi” (si fa per dire, ovviamente, perché si trattava di pesce e verdure freschissimi, non utilizzati dalle altre blogger e che era un vero peccato non mangiare!) e non si è avanzato nulla!! Sorriso

 

collagefritto

 

La Texture (questa parola che va tanto di moda di questi tempi rende davvero bene l’idea, ma se dobbiamo dirlo in italiano diremmo la consistenza) di questa farina è davvero unica, la macinatura non è fine come quella della farina di riso bianco, no è piuttosto disomogenea tanto da lasciare una croccantezza ancora maggiore che ne fa il punto di forza in un piatto come la tempura.

Abbiamo detto tempura ma non ho detto di cosa! Verdure di stagione (asparagi, carciofi, zucchine con  i loro fiori, carote, cipollotti freschi), mele, gamberetti e alici.

Tutte ma proprio tute queste “cose buone” fritte nella tempura di riso venere sono risultate meravigliose, ma facendo un sondaggio quello che ha più stupito le papille gustative degli assaggiatori sono state le mele, forse perché inaspettate, forse perché  alternavano la croccantezza della pastella alla croccantezza della mela che all’interno rimaneva però sugosa..

La ricetta di una semplicità imbarazzante ve la riporto ricordandovi che un buon fritto va fatto e mangiato immediatamente!!

 

tempuranera

Tempura nera di verdure, frutta e pesce

Ingredienti
2 cucchiai di farina 00
2 cucchiai di farina di riso Venere Gli Aironi
2 cucchiai di semola di grano duro
acqua frizzante freddissima
3 cubetti di ghiaccio
olio di semi di arachide per friggere
verdure di stagione, pesce e frutta (vedi sopra)


Preparazione
In una ciotola miscelate le tre farine e aggiungete acqua fino a che non diventa una pastella simile alla consistenza dello yogurt (non quello compatto, ovviamente :P) sciogliete bene i grumi mescolando energicamente e quando è pronta aggiungete i cubetti di ghiaccio.
Nel frattempo avrete messo a scaldare l’olio (il fritto per essere buono e asciutto necessita di una buona quantità di olio, non siate tirchi! non è vero che se c’è tanto olio ne assorbiranno di più, funziona esattamente al contrario! per intenderci almeno 3 dita di olio) in una capace padella, quando sarà caldo intingete i fiori nella pastella e scolatela un pochino immergeteli nell’olio fino a coloritura (io li preferisco un po’ chiarini ma li si tratta di gusti) lo shock termico che avviene tra la pastella ghiacciata e l’olio bollente farà rimanere croccante il vostro fritto!!!

 

Il racconto non finisce qui, ci sono ancora tantissime cose che vi devo raccontare!! mi raccomando seguitemi e ne scoprirete delle belle su luoghi e città sui quali probabilmente non avete mai nemmeno considerato di andare e capirete quante meraviglie possono nascondere!

 

Se intanto volete dare un’occhiata in giro per gli altri blog vi metto i link, così vedete tutti i punti di vista!!

Il post della Manu, quello di Stefania, quello di Rossella, quello di Eat Piemonte e un assaggio di Honest Cooking Sorriso

lunedì 6 maggio 2013

Cup-Cakes ci ho preso gusto! Questa volta ciliegie e Coca Cola!

 

 

cherrycola

 

Ebbene si, mi diverto davvero tanto a creare queste mini tortine che vanno tanto di moda, io le trovo adorabili, sono già porzionate e il risultato è assicurato, bastano una teglia per muffin con qualche pirottino un po’ colorato e il gioco è fatto! Se non sapete dove trovare ciò che vi serve, provate a dare un’occhiata a questo sito nella sezione “Casa e dintorni” trovate un sacco di negozi affiliati e si può usufruire di sconti e promo online!!

Quando li preparo abbondo sempre e la metà la metto in freezer, ben coperta dalla pellicola per alimenti, immediatamente appena si freddano, e, quando mi servono, li tolgo dal freezer mezza giornata prima e li lascio a temperatura ambiente, preparo la glassa o il frosting e sono pronti in un attimo!

Quelli che ho scelto per oggi sono molto originali! Non ci crederete se vi dico che nell’impasto c’è la coca cola!!! Proprio lei! Provateli perché la consistenza dell’impasto è davvero particolare!!

Non starò ad annoiarvi oltre con le mie considerazioni e vi darò la ricetta! “Rubata” anche questa sempre da lei, ormai ho preso il vizio, dovrete perdonarmi!! Ricetta perfetta!! non ho cambiato praticamente niente!!

 

DSC_0236

 

Cherry Cola Cupcakes

Ingredienti (per 10 cupcakes)

Per i cupcakes

225g farina 00

35g cacao amaro in polvere setacciato

131g zucchero di canna

112g burro morbido

80g latte

140g coca cola ( no diet o zero, no pepsi )

2 uova medie

½ cucchiaino di lievito per dolci

2 pizzichi di sale fino

Per il frosting

150g burro morbido

100g formaggio spalmabile ( es Philadelphia)

300g zucchero a velo

2 cucchiai di confettura extra di ciliegie

Per decorare

1 ciliegia per ogni cupcakes

Lavorate il burro morbido con lo zucchero fino a ottenere un composto biancastro e spumoso; aggiungete le uova leggermente

sbattute e una alla volta, facendo bene amalgamare prima di aggiungere la

successiva.

Setacciate la farina con il lievito, il sale e il cacao; mescolate il latte alla

cola.

Aggiungere all’impasto le polveri setacciate e i liquidi alternandoli tra loro; una volta

ottenuto un composto molto morbido distribuitelo nei pirottini riempiendoli per 2/3.

Passate in forno caldo, abbassando la temperatura  a 180°, e facendo cuocere per 23

minuti; verificate la cottura inserendo uno stecchino nel centro di ogni tortina, dovrà uscirne pulito e asciutto.

Fate raffreddare i cupcakes su una grata per dolci.

Intanto che le tortine cuociono, preparate il frosting:

In una ciotola lavorate a crema il burro con lo zucchero a velo, aggiungete il

formaggio e lavorate ancora in maniera da amalgamare il composto; aggiungete la

confettura di ciliegie, coprite con pellicola e riponete in frigo fino al momento dell’utilizzo.

Quando siete pronte a decorare i cupcakes, riprendete il frosting e lavoratelo un

minuto con una spatola; trasferitelo in una sac a poche munita di bocchetta a stella

e procedete con la decorazione; se non consumate subito le tortine potete

conservarle decorate in frigo.

Estraetele dal frigo circa 15 minuti prima di consumarle e decorate con una ciliegia,

ogni cupcakes.

venerdì 3 maggio 2013

Di nuovo cup cakes.. al limone vaniglia con chrunchy rice “Gli Aironi”

 

Ve l’ho detto vero che preparare i cup-cakes mi piace più che mangiarli?? si, si, ve l’ho già detto!!

Per la stessa vendita di beneficienza ho preparato anche questi, utilizzando un ingrediente specialissimo, gentile omaggio dei “Signori Aironi” da Vercelli (PROMETTO CHE NEL PROSSIMO POST VI RACCONTO TUTTO, TUTTO SU VERCELLI E IL RISO!)  un riso soffiato aromatizzato che si sposava benissimo con i muffin che avevo preparato, in superficie, quello che sembra normalissimi chicchi di riso soffiato sono invece piccole esplosioni di gusto, limone-zenzero e lavanda, per la precisione!

La ricetta anche questa volta l’ho rubata da un’amica blogger, che ultimamente invidio molto (ha inaugurato il suo Lab a Lecco, se passate da quelle parti fermatevi, sono sicura ne varrà la pena!), che a sua volta l’aveva rubata ad un’altra blogger CHE GENERALMENTE è UNA GARANZIA,  a noi sono piaciuti molto, li ho realizzati con farina senza glutine e sono venuti veramente sofficissimi!
 

cupcake limone e vaniglia

 

Muffin limone e vaniglia ricoperti di glassa al limone

                            con riso croccante limone e zenzero e lavanda

                                      VERSIONE GLUTEN FREE

Ingredienti:
  • 150 g di uova intere (3 uova medie) a temperatura ambiente
  • 150 g di zucchero
  • 75 g burro fuso
  • 150 g di farina  Mix It (GF) (ovviamente potete mettere la normale 00 se non siete celiaci)
  • 150 g di panna acida a temperatura ambiente
  • la scorza di un piccolo limone
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 5 g (1 cucchiaino) di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
Per la glassa al limone:
  • 150 g di zucchero a velo
  • 20 g di succo di limone
  • scorze di limone per decorare

Per la copertura Crunchy rice al limone e zenzero e alla lavanda


Stemperare la panna acida con l’estratto di vaniglia, il succo e le scorze di limone e il sale. Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere una massa molto chiara e spumosa (10-12 minuti), incorporarvi il composto contenente la panna acida facendo attenzione a non lavorare troppo il tutto. Unire la farina setacciata con il lievito, un po’ per volta, ed incorporarla delicatamente, con l’aiuto di una spatola (sempre movimenti dal basso verso l’alto). Aggiungere infine il burro fuso raffreddato (dev’essere ancora liquido) a filo, continuando a lavorare l’impasto con la spatola, sempre con delicatezza. Versare l’impasto nei pirottini di carta che avrete inserito in uno stampo da muffin e cuocere in forno preriscaldato a 170°C per circa 15/20minuti, o fino a quando non risulteranno dorati in superficie e asciutti all’interno. Sformare i dolcetti  e lasciateli raffreddare su una griglia.

Preparare la glassa aggiungendo il succo di limone allo zucchero a velo, regolarne la consistenza aggiungendo eventualmente poco zucchero o qualche goccia di limone per volta; la glassa deve essere abbastanza fluida da stendersi da sola ma, allo stesso tempo, non deve essere così liquida da risultare trasparente. Versare la glassa al centro dei tortini aiutandovi con un cucchiaio e lasciare che scenda anche lateralmente, se dovesse risultare ancora troppo densa aiutarsi con una spatola per distribuirla al meglio. Decorare a piacere il riso crunchy!