All Posts By:

pappaecicci

Inverno/ Natale/ Regali home-made

Natale: mix di aromi da regalare

Questo sarà un Natale molto particolare, in cui in tantissimi dovremo fare i conti con il fatto che qualcuno di caro e amato non potrà festeggiare con noi. Voglio essere comunque super positiva, e godermi il periodo per quanto possibile, lasciare regalini home made alle porte di chi apprezzo e invitare anche voi a farlo. Ecco, per Natale, il mio mix di aromi da regalare.

Tutto sta nella presentazione, nel momento che si tratta di regali fatti in casa molto ma molto semplici da realizzare: optate per vasetti a chiusura ermetica, una bella etichetta su cui scrivere consigli di conservazione, oppure un suggerimento di ricetta.

natale mix spezie regalo

Sale agli agrumi

Potete scegliere, in questo caso, un sale grosso da passare velocemente nel mixer per ottenere una grana intermedia con quello fine. Seguite la mia ricetta per ottenere una polvere di arancia, o di un altro agrume, o mixando più tipologie (bergamotto, pompelmo, clementine, limone, lime); assicuratevi che sia be asciutta e miscelatela con il sale. Prima di chiuderlo nel vasetto lasciatelo macerare un giorno intero in modo che l’agrume riesca a sprigionare tutto l’aroma. ideale su carne, pesce e per cotture in crosta di sale.

Zucchero con liquirizia

Anche con lo zucchero potete creare qualcosa di meraviglioso. Potreste usare un buon zucchero di canna (integrale, così che sia naturalmente più umido e aromatico) e confezionarlo con un paio di bastoncini di liquirizia. I legnetti, alla lunga, frizionandosi con i granelli di zucchero, lo aromatizzeranno. Provatelo nel dolci, e nel caffè!

Sale all’aglio

Il sale fino è invece perfetto per essere aromatizzato con qualcosa di intenso, così che il classico “pinch af salt” – il pizzico di sale – sia una bomba! Ho pensato all’aglio in polvere, così da non rischiare con quello fresco: provatelo in un’insalata, in un contorno di verdure oppure sulle patate arrosto.

Zucchero o caffè con vaniglia

Che peccato usare la polpa delle bacche di vaniglia, e buttare il resto… ecco perché bisognerebbe tenerle e riciclarle. Come? Semplicissimo: dopo averle svuotate, inseritele nei barattoli di zucchero o di caffè macinato… ogni volta che aprirete il coperchio vi inebrierete con l’aroma. Regalare questo piacere mi sembra un’idea molto carina e calda.

Sale speziato

Vi piace la sapidità, e per voi no c’è pietanza senza spezie? portatevi avanti, condendo il sale fine con paprika, curry, curcuma, noce moscata e chiudendolo in un barattolo e usandolo in un curry, un riso basmati e sull’arrosto. Regalatelo, poi, a chi come voi ama la cucina speziata.

Erbe aromatiche miste

Esistono già in commercio, mi direte voi, ma vogliamo paragonare con una bella confezione natalizia e un mix scelto secondo i nostri gusti o quelli di chi riceverà il regalo? Usate rosmarino, prezzemolo, semi di cumino, salvia, basilico essiccato…

Il Natale non sarà semplice… ma siate certo che sarà pieno di sapore!

Dolci/ Natale/ Ricette Base/ Senza latticini/ senza uova

Glassa all’acqua: tutti i segreti per farla

Se c’è un modo per rendere magiche le giornate e passare del tempo divertente coinvolgendo anche i piccoli di casa, è fare un dolce e decorarlo con la glassa all’acqua. Ah, come mi sono divertita negli anni con questa base di pasticceria! Ecco quindi come farla, vi svelo tutti i segreti per non sbagliare.

Glassa all’acqua: 2 ingredienti

glassa acqua torta

La glassa all’acqua è la soluzione più semplice in assoluto per abbellire in un attimo qualsiasi torta abbiate sfornato… soprattutto se ha qualche magagna: angoli bruciacchiati, un colore pallido, crepe.

Procedimento

Tutto ciò che vi occorre per farla è un bel po’ di zucchero a velo e poche gocce di acqua. Per glassare una torta intera vi servirà una confezione da 125 g di zucchero a velo – più o meno -, che dovrete mixare unendo poche gocce di acqua a temperatura ambiente alla volta. Mi raccomando, non esagerate perché se otterrete una glassa troppo liquida allora non potrete fare altro che aggiungere ulteriore zucchero.

Per decorare frolle e biscotti vi consiglio di fare una glassa spessa, con poca acqua: fluida ma pastosa, da stendere con una palettina o un cucchiaino. Per le torte (ciambelle, muffin, plumcake) potete farne anche una più fluida, che riuscite a versare.

Se volete, potete insaporire leggermente alternando all’acqua poche gocce di succo di limone.

Quali coloranti usare e come

La glassa all’acqua può sicuramente essere colorata: consiglio coloranti in gel o polvere, che siano idrosolubili (ovvero che si sciolgono nell’acqua; a differenza dei coloranti liposolubili, che si sciolgono nei grassi come tuorli, albumi, burro).

Anche in questo caso vale la stessa raccomandazione: aggiungete pochissimo colorante per volta, perché se esagererete dovrete aggiungere ulteriore zucchero a velo e ulteriore acqua.

Glassa al cacao

Per la glassa al cacao i coloranti non servono, e lo zucchero a velo va mixato con cacao amaro. Provate a mixare 100 g di zucchero a velo con 20 g di cacao e procedere come per la glassa semplice. Giocate, anche in questo caso, sulla consistenza della glassa regolandovi con l’acqua.

Differenze con la ghiaccia reale

Le due glasse principali usate in pasticceria sono appunto glassa all’acqua, e ghiaccia reale. Quest’ultima è a base di albumi montati con zucchero a velo pari a 5 volte il loro peso, e poco succo di limone: il risultato è una glassa molto spessa, che permette di fare decorazioni molto minuziose e che resta in forma (al contrario, la glassa all’acqua si dilata e si adatta alla forma del dolce). L’altra differenza sostanziale è che la ghiaccia reale si asciuga completamente, mentre la glassa reale non si indurirà mai del tutto.

Se dovete, ad esempio, decorare biscotti e regalarli in una confezione, fate la ghiaccia reale!

Collaborazioni/ Piatti unici

Bomba di riso (la mia versione)

Non vedevo l’ora di pubblicare questa ricetta, appartenente alla tradizione piacentina ma che io ho interpretato apportando alcune varianti: la bomba di riso è un piatto unico sapido e meraviglioso da presentare in tavola, una torta ripiena con ingredienti genuini e invitanti, che rendono questa pietanza una vera e propria… bomba di bontà!

Sapete, l’entusiasmo è al massimo perché ho messo le mani in pasta con accanto una grandissima alleata, una vetusta Signora di tutto rispetto che aiuta tutti gli appassionati di cucina da oltre cento anni: Lagostina, un’azienda che fa storia nel nostro Paese. Ho usato infatti la batteria di pentole Ingenio, comodissime perché antiaderenti e soprattutto con un manico riutilizzabile che mi ha consentito di passare da fuoco a forno. Sì, perché questa linea di pentole Lagostina può essere usata con ogni fonte di calore, e posso tenerla insieme alle normali pentole anziché nel reparto delle teglie da forno: è quindi una soluzione salvaspazio che, nella mia cucina, è una caratteristica fondamentale!

Ecco la ricetta della Bomba di riso alla mia maniera

bomba riso a fette

Per il riso

800 g di riso

100 g di formaggio grana grattugiato

50 g di burro

2 tuorli

q.b. pane grattugiato

q.b. sale

Per il ripieno

2 galletti tipo amburghese

50 g di burro

1/2 cipolla

300 g di salsiccia

q.b. sale e pepe

Per condire

a piacere burro e pangrattato

Procedimento

bomba riso ingredienti

Iniziate dalla farcitura

Per fare la ricetta della bomba di riso, tritate finemente la cipolla e fatela imbiondire con il burro, a fuoco lento e per almeno 10 minuti. Potete aggiungere poi i galletti lavati e spiumati: fateli rosolare nel condimento, per poi unire la salsiccia spellata a pezzetti. Condite con sale e pepe.

Cuocete a fuoco lento, aggiungendo se necessario qualche cucchiaio di brodo vegetale o di carne. In circa un’ora, i galletti saranno cotti: toglieteli dal fuoco e disossateli, per mettere la polpa all’interno di un tegame insieme alla salsiccia. Mescolate bene per ottenere un composto omogeneo. Tenete da parte e preparate il riso.

Il riso

Occupatevi del riso, che dovete lessare al dente in acqua bollente e salata. Una volta scolato, lasciatelo intiepidire e incorporatevi tuorli, formaggio grattugiato e burro.

La bomba

bomba riso pentola lagostina

Ungete (o imburrate) e cospargete con il pangrattato una pentola capiente (io ho usato una delle pentole Lagostina), ponendo però al centro un bicchiere in modo da poter formare una ciambella. In alternativa, potete usare un apposito stampo a ciambella di quelli a cerniera. Versate buona parte del riso e stendetelo anche sui bordi. Al centro, disponete il ripieno di carne.

Non vi resta che chiudere con il riso rimanente, per completare con altro pangrattato e fiocchi di burro. Cuocete in forno statico preriscaldato a 180°C per una ventina di minuti, o finché la superficie non risulterà ben dorata e croccante.

Lasciate riposare la bomba di riso 10 minuti prima di sformarla e servirla.