All Posts By:

pappaecicci

Collaborazioni/ Piatti unici

Bomba di riso (la mia versione)

Non vedevo l’ora di pubblicare questa ricetta, appartenente alla tradizione piacentina ma che io ho interpretato apportando alcune varianti: la bomba di riso è un piatto unico sapido e meraviglioso da presentare in tavola, una torta ripiena con ingredienti genuini e invitanti, che rendono questa pietanza una vera e propria… bomba di bontà!

Sapete, l’entusiasmo è al massimo perché ho messo le mani in pasta con accanto una grandissima alleata, una vetusta Signora di tutto rispetto che aiuta tutti gli appassionati di cucina da oltre cento anni: Lagostina, un’azienda che fa storia nel nostro Paese. Ho usato infatti la batteria di pentole Ingenio, comodissime perché antiaderenti e soprattutto con un manico riutilizzabile che mi ha consentito di passare da fuoco a forno. Sì, perché questa linea di pentole Lagostina può essere usata con ogni fonte di calore, e posso tenerla insieme alle normali pentole anziché nel reparto delle teglie da forno: è quindi una soluzione salvaspazio che, nella mia cucina, è una caratteristica fondamentale!

Ecco la ricetta della Bomba di riso alla mia maniera

bomba riso a fette

Per il riso

800 g di riso

100 g di formaggio grana grattugiato

50 g di burro

2 tuorli

q.b. pane grattugiato

q.b. sale

Per il ripieno

2 galletti tipo amburghese

50 g di burro

1/2 cipolla

300 g di salsiccia

q.b. sale e pepe

Per condire

a piacere burro e pangrattato

Procedimento

bomba riso ingredienti

Iniziate dalla farcitura

Per fare la ricetta della bomba di riso, tritate finemente la cipolla e fatela imbiondire con il burro, a fuoco lento e per almeno 10 minuti. Potete aggiungere poi i galletti lavati e spiumati: fateli rosolare nel condimento, per poi unire la salsiccia spellata a pezzetti. Condite con sale e pepe.

Cuocete a fuoco lento, aggiungendo se necessario qualche cucchiaio di brodo vegetale o di carne. In circa un’ora, i galletti saranno cotti: toglieteli dal fuoco e disossateli, per mettere la polpa all’interno di un tegame insieme alla salsiccia. Mescolate bene per ottenere un composto omogeneo. Tenete da parte e preparate il riso.

Il riso

Occupatevi del riso, che dovete lessare al dente in acqua bollente e salata. Una volta scolato, lasciatelo intiepidire e incorporatevi tuorli, formaggio grattugiato e burro.

La bomba

bomba riso pentola lagostina

Ungete (o imburrate) e cospargete con il pangrattato una pentola capiente (io ho usato una delle pentole Lagostina), ponendo però al centro un bicchiere in modo da poter formare una ciambella. In alternativa, potete usare un apposito stampo a ciambella di quelli a cerniera. Versate buona parte del riso e stendetelo anche sui bordi. Al centro, disponete il ripieno di carne.

Non vi resta che chiudere con il riso rimanente, per completare con altro pangrattato e fiocchi di burro. Cuocete in forno statico preriscaldato a 180°C per una ventina di minuti, o finché la superficie non risulterà ben dorata e croccante.

Lasciate riposare la bomba di riso 10 minuti prima di sformarla e servirla.

Dolci/ Gluten free/ Per tutte le stagioni/ Ricette Base

Crema pasticciera, classica e varianti più amate

Ah, quanto amo la crema pasticciera! Con la vaniglia, la scorza di limone, densa da rubare cucchiaino dopo cucchiaino… una crema pasticciera fatta bene è in grado di sollevare corpo, mente e cuore e rimette in ordine i tasselli di una giornata storta. Per noi – dopo lavoro, negozio, commissioni – una porzione di crema è anche una coccola a tutti gli effetti.

La ricetta classica prevede pochi ingredienti: latte fresco intero, zucchero, un aroma, tuorli e amido. Ci sono scuole di pensiero sul fatto che ci debba essere farina e non amido, ma io preferisco usare quest’ultimo: rende la crema pasticciera senza glutine, una texture molto più omogenea e in generale un risultato più leggero sotto molti punti di vista. Ci sono anche diversi metodi per ottenerla – io conosco anche una ricetta che prevede panna da cucina – ma vi indicherò la più semplice.

Come farla una crema pasticciera perfetta

crema pasticciera cioccolato

Per circa mezzo chilo di crema vi occorrerà

  • 3 tuorli di uova medie
  • 25 g di amido di mais
  • 60 g di zucchero semolato
  • 250 g di latte fresco
  • vaniglia in bacca oppure scorza di limone

Procedimento

I una pentola capiente scaldate il latte a fuoco molto basso, aggiungendo o la scorza o la bacca di vaniglia incisa per il lungo. Tenetelo al caldo senza mai farlo bollire, e nel frattempo occupatevi del resto: in una ciotola montate a lungo i tuorli insieme allo zucchero fino a ottenere una crema chiara e spumosa. Potete fare a mano, oppure con le fruste elettriche.

Incorporate l’amido, setacciato. Versate il latte caldo nella base, poco alla volta, mescolando costantemente e privandolo degli aromi. Riversate tutto il composto nella pentola, accendete un fuoco dolce e mescolate fino a far addensare la crema. Più mescolerete e starà sul fuoco, e più la crema sarà densa e corposa. Considerate tuttavia che, raffreddandosi, la crema si indurirà quindi evitate di farla rapprendere troppo in pentola.

Una volta pronta dovete farla raffreddare: consiglio di versarla in una pirofila bassa e larga e di coprirla con pellicola trasparente a contatto con la superficie. Finalmente potete usarla per farcire un bel pan di Spagna, la vostra torta preferita o semplicemente servirla in coppa con frutta fresca, secca o scaglie di cioccolato.

Variante al cacao o cioccolato

Per fare la crema pasticciera al cacao, vi basterà unirne 20 g all’amido previsto dalla ricetta, per poi procedere come indicato. Per farla al cioccolato invece – fondente, al latte o anche bianco – procedete con la ricetta completa e aggiungete il cioccolato tritato appena la crema inizia ad addensarsi sul fuoco.

Variante senza lattosio

Per ottenere una crema pasticciera senza lattosio oltre che senza glutine, vi basterà usare o un latte delattosato oppure una bevanda vegetale. Sono ottimi il latte di mandorla, di soia o di riso.

Biscotti/ Colazione/ Dolci/ Per tutte le stagioni/ Ricette Base

La mia pasta frolla collaudata

Chissà quante ricette di pasta frolla potremmo raccogliere, sommando quelle dei ricettari di famiglia… a migliaia, ognuna con qualche segreto, qualche variante, quel pizzico di sale che a volte c’è e altre no. Io ormai ho trovato la versione che preferisco, con cui mi trovo bene e che è diventata parte di casa mia: in questi anni mi ha sempre dato soddisfazione, tra crostate e biscotti, merende e colazioni indimenticabili.

Ecco qui sotto la mia ricetta collaudata, spiegata passo passo, e a seguire qualche variante interessante che sono sicura vi possa ispirare.

Pasta frolla semplice e veloce

ricetta pasta frolla infallibile

  • 200 g burro non salato, a temperatura ambiente
  • 400 g farina 00
  • 200 g zucchero semolato
  • 1 uovo medio, leggermente sbattuto
  • semi di 1 baccello di vaniglia

Procedimento

Seguite le mi istruzioni, e otterrete una frolla perfetta. Per prima cosa unite in una capiente ciotola il burro a tocchetti, lo zucchero e i semini di vaniglia, per lavorarli giusto il tempo di ottenere una crema compatta. Ho aggiunto la vaniglia in questa fase perché, dovete sapere, gli aromi (spezie, erbe aromatiche) sono veicolati meglio a contatto con un ingrediente grasso. Non lavorate troppo il burro: più incorpora aria, e meno crostate e biscotti manterranno la forma in cottura!

Ottenuta la crema, aggiungete l’uovo – meglio se a temperatura ambiente – e mescolate finché non si è del tutto assorbito. Ora è il momento di aggiungere la farina setacciata: incorporatela per formare un panetto malleabile e non appiccicoso. Avvolgete la frolla nella pellicola e lasciatela riposare in frigorifero per almeno mezzora.

Un suggerimento in più: quando la stenderete e farete la base di una torta o dei biscotti, non infornate subito ma lasciate le forme in frigorifero per 10-15 minuti. Questo trucco vi permetterà di mantenere le sagome perfettamente intatte (pensate che c’è addirittura chi congela la frolla e la cuoce poi direttamente congelata!).

Varianti

Con la ricetta base che vi ho suggerito potete giocare secondo gusto o esigenze. Ecco qualche variante:

  • usate metà farina 00 e metà farina integrale;
  • aggiungete scorze di agrumi come limone o arancia;
  • speziate, con zenzero e/o cannella in polvere (per Natale è un suggerimento ottimo);
  • aggiungete un abbondante pizzico di sale per ottenere un piacevole contrasto

Ecco fatto, ho mantenuto o no la promessa? Semplice e pratica! Potete farne in abbondanza e congelarla in panetto o in fogli già stesi, per averne sempre a disposizione.