Browsing Tag:

aromi naturali

Dolci/ eventi/ show cooking

Bicchierini di cheese-cake alla Malvasia

Ieri ho avuto il piacere di partecipare ad un interessante evento che si è tenuto alla corte Faggiola per rendere onore a uno dei miei vini preferiti, La Malvasia
Io e altre 3 foodblogger piacentine siamo state chiamate a raccolta e subito abbiamo risposto con ricette spettacolarmente profumate di malvasia (vi rimando ai loro blog per scoprirle, qui a lato nella barra trovate i loro link)

Questa cheese cake ha un sapore davvero speciale, la quantità di Malvasia contenuta non è poca volutamente perché ci tenevo in modo particolare che si sentisse bene il sapore di questo vino profumato e ricco di sentori fruttati.

Se siete curiosi di vedere il procedimento in diretta QUI lo trovate per intero e trovate anche la ricetta di Elena, la mia compagna in questo show cooking che ha preparato delle tartellette salate davvero gustose!

INGREDIENTI

340 g di cioccolato bianco
125 g di panna fresca
175 g di vino bianco frizzante Malvasia dolce
225 g ricotta io ho usato la Cuor di latte dell’azienda Graffignana di Roncarolo
Due pacchi di biscotti tipo di digestive
Per decorare uvetta passita ammollata nella Malvasia

PREPARAZIONE

In un pentolino a fuoco basso, a bagno maria, mettere in una ciotola le gocce di cioccolato bianco o il cioccolato in pezzi e la panna. Mescolare di tanto in tanto, fino a quando il cioccolato non è  fuso e liscio. Io ho questo pentolino che mi aiuta moltissimo nelle cotture a bagnomaria
Una volta sciolto, togliere il tegame dal fuoco e aggiungere la Malvasia e mescolare bene. Lasciarla raffreddare per 15 minuti.
Quando il cioccolato si sarà un po’ raffreddato, unire  la ricotta ammorbidita in una terrina. Sbattere con una frusta  fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi. Trasferire il composto in una sac a poche e mettere in frigorifero per almeno 12 ore
Ridurre in briciole i biscotti. (Io li  metto all’interno di 2 sacchi ziploc (per far si che le briciole non escano) e uso  il mio mattarello per schiacciarli.), aggiungere 2 cucchiaini di briciole di biscotti  per ogni bicchierino.
Prendere la sac a poche, il cui contenuto dovrebbe aver assunto una consistenza spumosa, e metterne un po’ in ogni bicchiere.
Se si prevede di servire in un secondo momento, conservare in frigorifero e coprire i bicchierini con pellicola per alimenti
Guarnire ogni bicchierino un chicco di uvetta passa precedentemente ammollata nella malvasia

Conserve, marmellate e salse/ Dolci/ Inverno/ Regali home-made/ Veg

Polvere di arancia

Questa ricetta sono sicura che vi piacerà, io la trovo addirittura geniale!

arance

Ora vi spiego, io amo particolarmente il profumo degli agrumi, mi piace nei dolci soprattutto,  ma non lo disdegno nemmeno nei salati e quando, qualche tempo fa, ho trovato in rete la ricetta di questa polverina, ho deciso di provarla subito!! La prima prova l’ho fatta con i limoni e questa volta mi sono lanciata con le arance, il risultato è veramente meraviglioso!
Questa polvere ha l’enorme pregio di essere praticamente a costo zero, visto che generalmente la buccia si butta.. dura veramente tanto se la conservate in un vasetto (rigorosamente di vetro) ben chiuso, è sempre pronta all’uso ed ha un’intensità di profumi  che capirete solo quando l’avrete fatta! Inoltre è assolutamente naturale, non come tutte quelle fialette che contengono aromi totalmente artificiali, di origine chimica, che sono dannosi per la nostra salute.

polvere

Il procedimento è semplice basta prelevare con un pelapatate la buccia badando a non prendere anche la parte bianca che è quella che dà l’amarognolo.
L’unico ingrediente che vi serve sono delle arance, BIOLOGICHE, ovviamente, potete farne la quantità che volete, io vi consiglio di farne almeno un kg, se accendete il forno,  a maggior ragione, vale la pena abbondare!
Lavate e asciugate bene le arance.
I metodi per essiccare le bucce sono diversi, io ve li elenco voi scegliete quello che vi è più comodo, io ho essiccato in forno:

  • posizionate le bucce su una teglia ricoperta di carta forno e mettetele in forno a 100°  per almeno 3 ore lasciando lo sportello del forno semichiuso, così se si forma dell’umidità a modo di uscire e soprattutto non ostacolerà l’essicazione
  • posizionate le bucce su un foglio di carta assorbente e mettetele di un termosifone e lasciatele fino a che non si saranno seccate del tutto (qui i tempi variano, ovviamente, in base alla temperatura dei caloriferi e a quanto tempo stanno accesi durante il giorno)
  • posizionate le bucce al sole, se siete fortunati e vivete in un posto in cui arance e sole vanno insieme lo potete fare, qui non è possibile il tempo delle arance corrisponde a quello della nebbia Triste
  • potete mettere le bucce anche nel microonde  alla massima potenza (600/700 W) per circa 7/8 minuti, controllando che siano secche e che non si brucino

Se volete essere sicure che siano secche al punto giusto, devono spezzarsi facilmente.
Ecco,  ora non vi resta che lasciarle raffreddare,  metterle in un cutter ben asciutto (mi raccomando) e azionarlo fino a che non le avrete ridotte in polvere, mettetele in un vasetto di vetro e, prima di chiuderlo… sentire il profumo che sprigionano. Conservatele al riparo dall’umidità e, se possibile dalla luce.
Gli utilizzi sono molteplici, le potete aggiungere nel the, in una cioccolata calda, nell’impasto di una torta, in un curd, nelle scaloppine, su di un piatto di pasta in bianco con pane ripassato .. insomma, usate la fantasia!
Sono veramente felice di avervi presentato questa ricettina, ricordate sempre che  è molto meglio usare aromi naturali piuttosto che quelli sintetici che il più delle volte sono addirittura cancerogeni, e, a tal proposito,  volevo ricordarvi che domenica 26 sarà possibile acquistare le arance della salute, quelle che aiutano l’Airc a raccogliere fondi per la ricerca! Cercate la piazza più vicina a voi!! (clikkate sull’arancia per trovare la piazza)

arancia nelle piazze

CONSIGLIA Frittelle di zucchine e mozzarella