Browsing Tag:

incontri

antipasti/ contorni/ Gluten free/ Inverno/ Veg

Caponata di carciofi … iniziamo l’anno bene!

Innanzitutto voglio iniziare questo post ringraziando tutti, ma proprio tutti, quelli che sono passati a visitare questo mio angolino speciale, che abbiano  chiacchierato con me o che siano solo passati a curiosare, quelli che mi hanno ispirato e quelli che mi hanno insegnato, i nuovi amici  e quelli vecchi, insomma proprio tutti per l’anno passato insieme. Io spero che il nuovo anno sia ricco di incontri piacevoli, di conoscenze, di scoperte e emozioni come lo è stato questo appena passato e lo auguro anche a tutti voi che mi leggete!! Buon 2012!! E ora? Ricetta! Inizio l’anno con una ricetta salutare, diciamo *detox* (che adesso fa tanto chic) infatti i carciofi sono depurativi  e ottimi per questo scopo!! provate a leggere qui. Qualcuno di voi saprà (da fb)che alla vigilia di Natale mio marito è arrivato con il baule carico di doni tra cui UNA CASSA, DICO UNA CASSAAAA, DI carciofi direttamente dalla Sicilia!! Ero felicissima, ma ce ne saranno stati una cinquantina, dunque ho iniziato regalandone un po’ ad amici e parenti, poi sono andata alla ricerca di ricette che mi aiutassero nello smaltimento e ho iniziato a cucinare carciofiiii. Il caso ha voluto che capitasse a fagiolo il suo sorteggio per il secondo giro del suo bellissimo non-contest e che fossi abbinata a lei, che arriva direttamente da dove arrivavano i miei carciofi e non ho potuto che scegliere questa ricetta, che, come la volta scorsa, copio pari-pari dalla legittima proprietaria mettendo tra parentesi le mie modifiche! vi chiedo solo di provarla, credetemi è un insieme di sapori che paga e poi è      ve lo cis si ma!

 

caponata di carciofi Ingredienti:

  • 1 grossa carota (5 carote medie)
  • 1 gambo di sedano (2 gambi di sedano)
  • 1 grossa cipolla (5 piccoli cipollotti freschi)
  • 5 carciofi (8 carciofi)
  • 1 confezione di pomodori pelati
  • olio d’oliva (6 cucchiai)
  • olive verdi (una manciatina)
  • sale pepe
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 1 cucchiaino zucchero
  • prezzemolo (una spruzzatina)

Preparazione

In una capiente casseruola versare circa 6 cucchiai abbondanti di olio e fare soffriggere le carote a rondelle e il sedano a pezzetti mettete  anche le foglie del sedano perché molto saporite. Dopo circa 10 minuti (io 3/4 minuti) aggiungere la cipolla a julienne non troppo sottile (io i cipollotti tagliati a pezzettoni) e continuare la cottura badando a non fare bruciare le verdure. Qualche minuto dopo versare i pelati o i pomodori rossi freschi se fossimo in estate, coprire e lasciare cuocere qualche minuto a fiamma moderata. Aggiustare di sale e pepe e aggiungere i carciofi (a cui avrete tolto foglie e barba eventuale, usando solo la parte centrale più tenera, cioè il cuore, se non sapete come fare guardate qui e comunque nessuno vi vieta di comprarli congelati o già puliti dall’ortolano). Mescolare, coprire e lasciare cuocere circa 10 minuti, i carciofi non devono cuocere molto. Qualche minuto prima di spegnere la fiamma versare l’aceto, lo zucchero , il prezzemolo tritato e le olive a pezzettoni e mescolare (io ho tritato nel robottino del minipimer il prezzemolo e poi ho messo le olive e ho dato un colpettino per frantumarle un po’). Servire tiepida o fredda, tanto è ottima in ogni caso. ps ringrazio Cinzia per avermi dato nuovamente la possibilità di conoscere un nuovo blog e di conseguenza una nuova”amica”!

Biscotti/ Colazione/ Natale/ Regali home-made

Alberelli e campane di panpepato davvero speciali! regalini 4^ puntata

collagenatale

Eccomi alla 4 puntata e penultima prima delle feste, diciamo che a questo post ci tengo particolarmente, il risultato mi ha decisamente soddisfatto sia nel gusto che nella decorazione e, visto che il prodotto finito, nella  maggior parte dei casi, ha già raggiunto i destinatari vi assicuro che hanno fatto un gran figurone.
Diciamo innanzitutto che la ricetta l’ho presa direttamente da qui, da lei che è una delle blogger che ammiro di più  sia per le ricette che per le foto,Diletta  ha realizzato l’impasto per un’occasione speciale ma le campane le ho viste da lei. Diletta dice che la ricetta è  di Alda (non conoscevo Alda ma sono sicura che doveva essere qualcuno che si intendeva decisamente di cucina visto che il risultato finale è stato davvero strepitoso!!!)
Per arrivare al dunque eccovi la ricetta che per me ha l’enorme pregio di poter essere preparata in anticipo e di poter rimanere a stazionare in frigorifero fino a 14 giorni, vi consente perciò di suddividere la preparazione in diverse giornate come ho fatto io dandovi il tempo di organizzarvi.

alberelli3

campane

PANPEPATO di ALDA
Per tanti biscotti (a me sono usciti 11 campane e 6 alberelli)
Ingredienti:
1,2 Kg Farina 00
200g Burro morbido
250g Zucchero
500g Miele (di quello aromatico, non industriale)
3 cucchiaini (almeno) di spezie [cannella, zenzero, noce moscata, chiodi di garofano, anice (io ho messo due cucchiai di sambuca)]
15g Lievito per dolci
15g Cacao amaro
2 Uova
Preparazione
Mettere in una pentolino capiente il miele, lo zucchero, il burro e le spezie e far sciogliere tutto a fuoco bassissimo mescolando di tanto in tanto. Lasciare intiepidire a temperatura ambiente ma senza lasciare indurire troppo il composto. In una ciotola molto capace (o nella ciotola dell’impastatrice) mescolare la farina, con il lievito e il cacao. Sbattere leggermente le uova e mescolare con le fruste. Aggiungere sempre con le fruste accese, il composto di miele, zucchero e burro e mescolare fino a quando la pasta è ben liscia. Formare una palla e lasciare riposare l’impasto per una notte (almeno)in un luogo fresco.
Stendere la pasta intorno ai 5 mm di spessore, io ho usato questi taglia biscotti per le campane,ma se volete usare delle forme che avete ricordatevi di praticare un forellino con uno stuzzicadenti,  cuocete in forno a 170°C per 10′ (controllare intorno agli 8 minuti perché i biscotti non devono scurire). Sfornare, ripassare con lo stuzzicadenti il buchino, lasciare raffreddare, decorare (se volete) e conservare in scotole di latta o a chiusura ermetica, per le campane è sufficiente seguire le istruzioni per il montaggio contenute nella scatola o vedere il video nel link sopra. Per gli alberelli ho semplicemente usato dei taglia biscotti a forma di stella in misura degradante senza bisogno di fare nessun foro.
Questi biscotti, proprio per la presenza di miele, devono frollare per qualche giorno prima di essere consumati perché appena usciti dal forno sono abbastanza duri. Devono essere quindi preparati con un po’ di anticipo (altro pregio, avete tutto il tempo di decorarli senza troppa fretta, passando i giorni migliorano!)
imagePer la decorazione: una volta cotti decorateli a piacere con glassa di zucchero, io l’ho preparata semplicemente con zucchero a velo, qualche goccia di succo di limone e acqua avendo cura di dosare l’acqua goccia a goccia per non ottenere una glassa troppo liquida visto che mi necessitava un pochino consistente per fare i contorni. Mi sono divertita ad usare questa caccavella che vedete qui a lato presa da Casa shop, in un attimo ho glassato la tonnellata di biscotti che avevo preparato!
 
 
Packaging
Questa volta diciamo che il packaging non è niente di particolare se non l’uso dei miei soliti sacchetti, i biscotti erano talmente belli che non serviva niente di più!
Un caro saluto e alla prossima!

Gluten free/ Per tutte le stagioni/ Secondi piatti

–foodblogger day- ricetta n.1 Picola ad caval

Immagine 1404 Come vi avevo promesso ecco la prima delle tre ricette che ho cucinato per il foodblogger day a Bologna dalle Sorelle in pentola. Ci avevano chiesto di portare un piatto tipico della nostra terra e, non potendo portare  i classici “pisarei e faso” per motivi logistici quali gli spostamenti con vari mezzi per arrivare a destinazione, ho deciso di cucinare la “Picola di cavallo con la polenta” Ricetta tradizionale e semplicissima oltre che veloce da preparare, di sicuro effetto e dal gusto per niente scontato. Ingredienti per 4 persone: – 500 g di carne di cavallo macinata una volta sola non troppo magra se no rimane troppo asciutta.
– mezza carota
– mezza gamba di sedano
– mezza cipolla  le verdure devono essere in proporzioni uguali regolatevi per la grandezza.
– olio q.b. per soffriggere le verdure
– concentrato di pomodoro (io qui vado a occhio finché non vedo che arriva ad un bel colore arancione intenso)
– una foglia di alloro Preparazione:
in un tegame basso e largo (io preferisco antiaderente) metti l’olio e le verdure tritate finemente con il mixer (io son noiosa e le trito separatamente e poi le unisco una a una iniziando dalla carota, poi con il sedano e per ultima la cipolla, ma se siete di corsa va bene anche tutte insieme!)
Fate soffriggere bene senza far colorire troppo, poi mettete la carne, fate  passare bene in modo che tutta cambi colore (non so se mi sono spiegata bene) e, quando tutta ha cambiato colore, mettete il concentrato di pomodoro, se serve mezzo bicchiere d’acqua (regolatevi  in base a quanto liquido rilascia la carne, ma non preoccupatevi se ne mettete troppa basta alzare un po’ la fiamma per farla evaporare!), aggiungete  la foglia di alloro e lasciate cuocere per massimo 20/25 minuti a fuoco medio.
In tutto ti serviranno circa 30 minuti non di più altrimenti si indurisce troppo la carne e diventa stopposa. Questa ricetta abitualmente si serve accompagnata alla polenta (fresca, fritta o grigliata non importa!), ma è ottima anche gustata con una bella fetta di pane casereccio, magari anche due per fare la classica scarpetta.

CONSIGLIA