Browsing Tag:

senza burro

Autunno/ Colazione/ Collaborazioni/ Dolci/ Inverno/ Torte

Torta dolce di zucca

torta alla zucca

Quando qualche giorno fa mi è arrivato l’invito a partecipare a Dolcemente Pisa, manifestazione italiana che si occupa di promuovere l’uso dell’olio (di oliva, ovviamente) nei dolci, invitandomi a produrre uno più dolci (dunque aspettatevi altri dolci nei prossimi giorni!) con l’olio, d’oliva appunto, non ho avuto dubbi!
Ho deciso immediatamente di partecipare, anche se pur usando l’olio abitualmente per cucinare dolci e salati,  non mi ero mai documentata sufficientemente su cultivar e aziende produttrici: vuoi perché vivo in una zona dove l’olio non è prodotto tipico e dove il burro è da sempre più usato, vuoi perché non ne ho mai avuta l’occasione.
Ecco che l’occasione è arrivata!! Per questa ricetta ho usato un olio Biologico dell’azienda Buonamici, lo uso spesso, il suo gusto delicato ci piace, ho scoperto che è ottenuto da un Blend, cioè una miscela, di diversi tipi di oliva: frantoio, moraiolo, leccino e maurino alla vista si presenta di colore giallo dorato limpido con delicate nuance verdoline e all’interno di questo dolce dal sapore deciso ci stava decisamente bene.
Ingredienti
4 uova codice0
120 g di zucchero di canna integrale
80 ml di olio evo Biologico Buonamici
250 g di zucca cotta
200 g farina di farro integrale
30 g cacao amaro
1 bustina di lievito biologico
Procedimento
Montare nel bimby le uova con lo zucchero a 37° per 3 minuti inserendo la farfalla** Unire 80 ml di olio extravergine con le lame in movimento,  la purea di 250 gr di zucca raffreddata (precedentemente cotta al forno o al microonde e successivamente ridotta in purea con una forchetta, io l’ho anche passata qualche minuto in un tegame antiaderente, tenendola girata per far evaporare l’acqua in eccesso), e, una volta ben amalgamata la farina con il lievito setacciato. A questo punto versare 2/3 di composto nello stampo rivestito di carta forno e aggiungere al restante il cacao amaro, incorporatelo per bene prima di unire anche questo secondo impasto nello stampo. Io lo ho inserito nei vari punti con l’aiuto di una sac a poche ma si può anche aggiungere sopra e poi mescolare con il manico di un cucchiaio di legno per ottenere un effetto marmorizzato.
Infornare in forno caldo e ventilato per almeno 40 minuti a 180° C. Spolverizzare con abbondante zucchero a velo.
 
*ovviamente, come al solito, se non avete il Bimby potete usare delle normalissime fruste o l’olio di gomito!

Con questa ricetta partecipo all’iniziativa  ExtraDolcemente  organizzata da Dolcemente Pisa
antipasti/ Finger food/ Gluten free/ Veg

Polpette gluten free totalmente vegetariane!

Da oggi si cambia! Da oggi solo post telegrafici (è l’impegno che mi son presa con me stessa, riuscirò a non essere logorroica almeno qui?? il tempo manca e i post lunghi ne richiedono tanto sia a me che a voi che leggete, se poi mi direte che preferivate quelli lunghi, va beh, farò uno sforzo e ricomincerò!! 🙂 Da oggi ricette alternative, di quelle senza, senza.  Senza cosa? vi starete domandando.. bene, senza latticini, senza uova, senza salumi e carne e senza Glutine possibilmente (qualcosina ogni tanto ce la infilerò dentro, visto che ho ancora dei mostri in famiglia da sfamare che non sempre apprezzano!) Ci provo, di nuovo, a disintossicare il mio organismo, stavolta non sono sola però, mi aiuta UN’AMICA BLOGGER esperta nutrizionista che mi tiene a stecchetto e mi insegna i trucchetti per rendere appetitoso anche quello che non lo sembra! Oggi dunque polpette! Polpette senza glutine, senza uova, senza carne e senza latticini! BUOOONISSIMISSIME!!

 

polpette veg INGREDIENTI

  • 100g quinoa lessata
  • 200 g legumi a piacere (io ho usato fagioli misti)
  • un pizzico di curry
  • un pezzetto di cipollotto fresco
  • olio di sesamo per la padella

PROCEDIMENTO In un robot da cucina mettete la quinoa lessata, (se vi è avanzata da qualche preparazione precedente usatela così, ma se la cucinate apposta allungate di una decina di minuti i tempi indicati dalla confezione) insieme a tutti gli altri ingredienti azionate e lasciate andare fino a quando non si sarà formato un impasto omogeneo. Mettete sul fuoco una padella antiaderente spennellata con un cucchiaino di olio di sesamo (se non lo avete, quello evo andrà benissimo, l’olio di sesamo conferisce però un sapore esotico!) e iniziate a formare le polpette con le mani bagnate così il composto non si attaccherà. Potete scegliere voi la dimensione da dare alle vostre polpette, io le ho preparate per un “porta e mangia” e ho preferito prepararle piccole così tutti gli ospiti hanno avuto modo di assaggiarle. Quando la padella sarà ben calda, oserei dire rovente, mettete le polpette e aspettate a girarle fino a che non saranno ben rosolate, fate attenzione perché sono abbastanza delicate, rigiratele e con i rebbi della forchetta premete un pochino in modo da aumentare la superficie a contatto con la padella,aumenterà la parte croccante! Sono perfette per la stagione calda che stiamo tutti aspettando, si possono unire verdure di stagione e sono un piatto completo, accompagnatelo con un’insalata mista e voilà, il pranzo o la cena sono serviti! sono buonissime anche mangiate appena tiepide o fredde!!

Bimby/ Colazione/ Collaborazioni/ Dolci/ Per tutte le stagioni/ Torte

Il plum cake con l’ingrediente segreto: il RISO VENERE

  plum cake venere   Quando ho letto in rete di questo concorso ho subito iniziato a pensare cosa avrei potuto cucinare con il riso, qualcosa di alternativo e creativo e poi, di notte, come molte delle mie idee, mi è venuto in mente che avevo visto usare la farina di riso venere da qualcuno, pensa e ripensa mi è venuto in mente che era proprio dalla Calimerina più presente sul web che avevo visto una ricettina che faceva al caso mio!! Ovviamente, come al solito, la ricetta di partenza è la sua ma quella di arrivo è tutt’altra cosa! Il risultato è un plum cake morbido, dolce al punto giusto, di quelli che non fanno venire sensi di colpa perché contengono veramente pochi grassi, pochissimi direi, il profumo che ha pervaso la cucina ve lo vorrei far arrivare ma purtroppo non si può. L’aggiunta della marmellata è la personalizzazione che ognuno può dare a questo dolce (basta cambiare tipo e cambierà anche il gusto) che sembra al cioccolato ma che al cioccolato non è, tutti si stupiscono e sbarrano gli occhi quando scoprono l’ingrediente segreto!! L’ingrediente Segreto!! proprio lui, IL RISO VENERE, diciamo che già nei dolci unire alla farina 00 la farina di riso aumenta la sofficità, la farina di riso nero home made ha, secondo me, aggiunto anche un po’ di “Crunchy” al plum cake, una nota croccante che forse in un dolce così mi completa l’appagamento dei sensi all’assaggio.   plum venere   PLUM CAKE con FARINA di RISO VENERE home made alla MARMELLATA DI MANDARINI INGREDIENTI per uno stampo 30x11cm

  • 150gr farina 00
  • 100 gr di  riso Venere
  • 50gr di  fecola
  • 150gr di zucchero di canna chiaro
  • 2 uova 
  • 75gr di olio di semi (mais o girasole)
  • 180gr di marmellata di mandarini Rigoni di Asiago
  • 150gr di ricotta
  • 50 ml di latte fresco  
  • polvere d’arancia 2 pizzichi
  • 14gr di lievito per dolci
  • sale

Mescolare insieme la ricotta  e il latte. Ridurre in farina il riso, mettendolo in un robot (io nel Bimby a turbo per un minuto, poi ancora per un minuto), setacciare la “farina di riso nero” e usare solo quella più fine, dovrete averne ottenuta circa 75/80 g
Setacciare insieme  tutte le farine con il lievito e un pizzico di sale e tenere in disparte.
Montare le uova intere intere con lo zucchero (io prima di aggiungere le uova ho tritato un po’ lo zucchero che di solito è in cristalli grossini che faticano a montare bene con le uova) fino a che risulteranno gonfie e spumose. Aggiungere l’olio a filo, la marmellata poco alla volta, poi il mix di farine alternato al  mix di latte e ricotta, iniziando e terminando con le farine, ed amalgamare bene per non formare grumi. Profumare infine con la scorza d’arancia.
Trasferire l’impasto in uno stampo da plum cake imburrato e infarinato e infornare a 180°C per circa 50 minuti (fare la prova stecchino!), coprendo con un foglio di alluminio negli ultimi minuti se tendesse a colorire troppo.
Sformare e lasciar raffreddare su una gratella.   venere   vcriceexp_bannerricette_600