Warning: Parameter 2 to azindex_posts_where() expected to be a reference, value given in /home/pappaeci/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286
senza zucchero Archives - Pagina 2 di 4 - Pappaecicci
Browsing Tag:

senza zucchero

Per tutte le stagioni/ Piatti unici/ schiscetta/ Veg

INSALATA IN BARATTOLO e sei anni di blog

E chi l’avrebbe mai detto che avrei festeggiato il compleanno del blog con un’insalata in vaso??
in questi sei anni ne sono cambiate di cose… io, comunque in ogni caso, quest’anno festeggio così i 6 anni in vostra compagnia!
Le insalate in barattolo sono un’ottima alternativa al pranzo al bar sotto l’ufficio o alla mensa aziendale, ma anche al classico panino, sono molto più salutari, ricche di alimenti che ci fanno bene e se usiamo qualche piccolo trucchetto sono anche altamente sazianti, hanno il grande pregio di non appesantire e di consentirci un ritorno al lavoro attivi e concentrati.
Ecco alcuni suggerimenti per la creazione di un’insalata perfetta:
-Iniziamo sempre con il condimento prescelto in basso, evitando che le verdure verdi entrino in contatto con quest’ultimo altrimenti appassiranno
-assicuriamoci che gli ingredienti come le verdure arrostite siano completamente raffreddati prima di aggiungerli
-assicuriamoci che gli ingredienti come le verdure arrostite siano completamente raffreddatiprima di aggiungerli.
      -Evitiamo di ingredienti con forti odori come uova, formaggio blu, pesce, cipolla cruda, ecc. Portateli in un sacchetto separato, se necessario
–     – Iniziamo usando un vaso munito di  bocca larga che sia completamente asciutto. L’umidità è nemica  di una insalata croccante.
       -Cerchiamo di asciugare, per quanto possibile, gli ingredienti come  fagioli in scatola, formaggio (tipo la feta) e verdure sottaceto prima
di aggiungerli.
      -Mettiamo  un pezzo di carta assorbente piegato in cima l’insalata, appena prima di chiudere il coperchio assorbirà parte dell’ umidità in eccesso e manterrà le verdure verdi più fresche.

 

INSALATA INVERNALE IN  BARATTOLO
INGREDIENTI:
2 Carote tagliate con il pelapatate in strisce sottili
Una piccola manciata di mirtilli rossi essiccati
Un piccolo cavolo arrostito
pinoli tostati
insalata cicoria tagliata finemente
PER IL CONDIMENTO
1/2 Spicchio di aglio
1 pizzico abbondante di sale
4 cucchiai di yogurt al naturale intero
2 cucchiai di succo di limone appena spremuto
1 macinata abbondante di pepe nero
4 cucchiai di Olio evo
Iniziamo con il condimento
Se si dispone di uno schiaccia aglio, schiacciare lo spicchio  e unirlo a tutti gli altri ingredienti in un piccolo barattolo, chiudere con il coperchio e agitare bene. Aprire il vasetto, assaggiare e aggiustare di sale se necessario.Questo condimento si può conservarein frigo per un massimo di 5 gg.
Procediamo a comporre il barattolo:
mettiamo un paio di cucchiai di condimento, aggiungiamo le  carote tagliate  in nastri con un pelapatate, i mirtilli, poi il cavolfiore che avremo arrostito in forno per 20/25 min. a 220°semplicemente irrorato con poco olio evo, sale e  pepe (quest’ultimo ben raffreddato!)
Aggiungiamo i pinoli tostati e tanta cicoria  da riempire il vaso. Copriamo con un pezzo di carta cucina e con un coperchio asciutto e pulito.
E’ possibile conservare il barattolo in frigorifero per un massimo di 5 giorni.
Per ottenere un pasto che ci sazi appieno sarebbe ideale aggiungere 2 uova sode per  compensare la carenza proteica di questa insalata a cui non mancherà più nulla!

 

Colazione/ Dolci/ Gluten free/ Per tutte le stagioni/ Ricette con la frutta/ Ricette Sane/ Senza latticini/ senza uova/ Torte

Paleo Banana bread

È tanto che non scrivo e chi mi conosce sa che fatico a trovare gli stimoli per scrivere sul blog ultimamente, poi una sera chiamo un’amica per sentire come procede la vita e le racconto di questo dolce fantastico e lei mi chiede se c’è sul blog, allora uno sprizzo di voglia di scrivere ritorna  e capisco che questa è una ricetta che non posso non condividere con tutti! 
Ormai le ricette postate negli ultimi tempi (si lo so, ne ho messe pooooche) sono un po’ tutte o quasi in stile paleo e quelle che vedrete nei prossimi giorni continueranno questo filone salutistico al quale mi sono dovuta avvicinare per i miei problemi di tiroidite autoimmune di cui vi avevo già parlato
Questo è un dolce completamente senza glutine, senza farine di origine cereale, senza latticini e senza zucchero, vi starete chiedendo tutti, mi pare di sentirvi, ma è buooono??
La risposta è Sì! 
Ha superato anche la prova marito, che è tra le più difficili da superare in assoluto e non ha superato la prova figlio maggiore semplicemente perché non ama le banane, tanto che ho in programma di farlo con le mele! 
La ricetta l’ho presa dal bellissimo libro di “Alimentazione in equilibrio”, ormai chi mi conosce personalmente penso non ne possa più di sentirmi parlare di Arianna, semplicemente perché trovo che sia una nutrizionista preparatissima a 360 gradi nonostante sia giovanissima
Il libro che si compone di una parte teorica all’inizio è poi corredato da bellissime ricette “senza”.. lo potete trovare, se siete di Piacenza e dintorni, in cartolibreria da me, altrimenti a questo link potete ordinarlo Online! Io ve lo consiglio caldamente, è ben scritto e le ricette funzionano, che non è scontato, credetemi! 
Paleo Banana bread
Ingredienti 
3 banane mature
3 uova intere
50 g di farina di cocco
50g di farina di mandorle
1 cucchiaino di lievito 
3 cucchiai di olio di cocco
1 cucchiaino di cannella 
un cucchiaino di lievito per dolci biologico
Vaniglia a piacere
Una grattata di noce moscata 
2 cucchiai di noci tritate 
Preparazione 
In una terrina unire tutti gli ingredienti secchi e in un’altra mettere  le banane schiacciate con i rebbi di una forchetta ed aggiungere le uova e l’olio di cocco, se avete un robot o un frullatore potete fare tutto con quello (io butto nel Bimby, banane, uova e olio di cocco  a vel 3/4 per 30 secondi) 
Unire il composto secco a quello umido mescolando bene, versare tutto in uno stampo da plumcake  e infornare per 35/40 min.  a 175°
Per sicurezza io consiglio sempre  la prova stecchino prima di togliere il dolce dal forno
Lasciarlo raffreddare su di una gratella.

note
questo dolce è buonissimo e rimane umido all’interno, per questa ragione è facilmente attaccabile da muffe, per cui se non lo mangiate nel giro di un 3/4 di giorni converrà tagliarlo a fette e congelarlo. 

Colazione/ Dolci/ Gluten free/ Ricette Sane/ Senza cottura

Budino di semi di chia

Sull’onda delle ultime ricette vi propongo questo “budinetto” provato ormai in diverse versioni, sempre su suggerimento della mia guru in fatto di alimentazione Arianna di alimentazione in equilibrio.

Questa è un’alternativa ottima alle colazioni di cui già vi avevo parlato, ha tra i suoi pregi, oltre ad essere buonissima, quello di poter essere preparata la sera prima e senza nessun tipo di cottura 
Non è magnifico?  Ora che arriva il caldo io sento il bisogno di colazioni e merende fresche e questa è tra le mie preferite  
La preparazione è semplicissima e gli ingredienti possono anche essere cambiati a piacimento mantenendo fissi i semi di chia e un latte vegetale 
Io per questa versione ho usato anche caffè, zucchero di cocco, crema di sesamo e farina di cocco. 


Semplicemente ho messo in un vasetto di vetro un cucchiaio di semi di chia, 1 cucchiaio raso di farina di cocco ho aggiunto 100 ml di latte di mandorle, una tazzina di caffè in cui ho sciolto zucchero e tahin,  vi ho mai detto che da quando ho scoperto questo sito dove trovo le cialde di caffè   non le lascio più?  Bevo meno caffè di prima ma quelli che mi concedo devono essere davvero buoni, quello del bar non riesco a berlo a quello in cialda si! Scelgo miscele non troppo forti, soprattutto in estate e me lo concedo due volte al giorno

Tornando alla ricetta dicevamo: una volta aggiunti tutti gli ingredienti date una bella mescolata e la colazione o la merenda sono pronte! 

Questa è la versione preparata stasera ma ho provato anche semi di chia, zucchero di cocco, latte di mandorle, cacao e cocco in scaglie, ottimo anche se  al cocco sostituite una tazzina di caffè ristretto 
La scelta dello zucchero di cocco è dovuta al suo basso indice glicemico, rende dolce senza esagerare, al riguardo vi segnalo un interessante articolo sugli zuccheri in generale sempre scritto sempre la fantastica Arianna
Giusto per ricapitolare vi metto gli ingredienti, anche se avrete capito che una volta fatto il primo quelli successivi saranno diversi e potrete sbizzarrirvi
1 cucchiaio di semi di chia
1/2 cucchiaio di farina di cocco
1 cucchiaino di zucchero di cocco 
1 cucchiaino di tahin 
100ml di latte vegetale
1 tazzina di caffè ristretto  
Come al solito, se lo provate  mi dite cosa ve ne pare?  
A presto!